Tv, Mfe lancia l’offerta per la francese M6: sfida alla cordata dei miliardari

Una delle redazioni del gruppo M6 in un'immagine tratta dal sito aziendale

Si apre la gara. A Londra congelata la vendita di Channel 4

MILANO. Mfe ci riprova. Dopo lo stop delle trattative per una fusione con Tf1 – anticipando l’altolà che sarebbe giunto dall’Antitrust di Parigi – si riapre la partita sul 48,3% della Tv francese M6. E MediaforEurope, la nuova configurazione europea di Mediaset, oggi – data di scadenza – presenterà una nuova offerta non vincolante in contanti per il canale transalpino. Già al primo round, secondo le indiscrezioni, il gruppo guidato dall’ad Pier Silvio Berlusconi aveva presentato l’offerta finanziariamente più allettante ma i tedeschi di Rtl Bertelsmann, cui M6 fa capo, avevano scelto la Tf1 del gruppo Bouygues, per una sorta di arrocco alla francese.

Anche questa volta il copione potrebbe ripetersi. La nuova asta è una corsa contro il tempo: bisogna chiudere l’eventuale vendita entro la primavera del 2023, prima che il rinnovo della licenza ne blocchi la cessione per 5 anni. E ora in campo per M6 ci sarebbe una nuova cordata francese guidata dal miliardario Rodolphe Saadé, uomo non di Tv ma impegnato nella logistica col gruppo Cma Cgm e in ottimi rapporti con la famiglia Bouygues, che – saltata la fusione Tf1-M6 – punterebbe a ritentare la combinazione tra cinque anni. Oltre a Saadé nella cordata ci sono Stéphane Courbit, che fa il produttore Tv con Baijay, e l’investitore Marc Ladreit de Lacharrière. Sarebbero loro i favoriti, mentre alcuni operatori Tv transalpini, viste le asperità antitrust, avrebbero deciso di soprassedere. Vivendi, ad esempio, potrebbe stare alla finestra e appoggiare il Biscione, di cui – seppure in uscita – è ancora socio. Mfe, che non ha problemi di finanziamento anche grazie a un debito basso, proverà un rilancio che terrebbe però conto del nuovo contesto economico.

Stando alla capitalizzazione di Borsa, la quota vale circa 800 milioni. Non solo Francia: prima dell’estate Mfe aveva formulato una manifestazione di interesse per l’inglese Channel 4. La sua vendita però è stata congelata dal nuovo governo Truss. In Germania, poi, Mfe ha nominato Katharina Behrends quale general manager per l’area europea di lingua tedesca. Una mossa anche in vista del rinnovo parziale, in primavera, del consiglio di sorveglianza di ProsiebenSat1, dove il Biscione ha più del 25% ed è deciso a contare.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La festa di Meloni e dei militanti di Fratelli d'Italia sulle note di Rino Gaetano

La guida allo shopping del Gruppo Gedi