Germania, a processo ex guardia nazista di 100 anni: è accusata di complicità in 3.518 omicidi

Lo hanno annunciato i pubblici ministeri dopo una valutazione medica che ha confermato che l'uomo è in grado di sostenere un processo nonostante l’età avanzata

Un'ex guardia di campo di concentramento nazista di 100 anni sarà processato in Germania a ottobre con l'accusa di complicità in 3.518 omicidi. Lo hanno annunciato i pubblici ministeri, secondo quanto riportato dal Guardian. L'ufficio del procuratore della località di Neuruppin, che per primo ha presentato le accuse a febbraio, ha ricevuto una valutazione medica che ha confermato che l'uomo è «in grado di sostenere un processo" nonostante la sua età avanzata. Le udienze saranno limitate a due ore e mezza al giorno, secondo i pm. Il sospettato è accusato di aver assistito "consapevolmente e volontariamente" all'omicidio di prigionieri nel campo di Sachsenhausen a Oranienburg, a nord di Berlino, tra il 1942 e il 1945. È accusato in particolare di complicità nell'"esecuzione per fucilazione di prigionieri di guerra sovietici nel 1942" e nell'omicidio di prigionieri "usando il gas velenoso Zyklon B". Si dice che l'imputato, che è rimasto anonimo in linea con le leggi sulla privacy tedesche, viva nello stato del Brandeburgo fuori Berlino, secondo quanto riportato dai media locali. Thomas Walther, un avvocato che rappresenta alcune delle vittime del caso, ha dichiarato al quotidiano tedesco Welt am Sonntag che "molti dei co-denuncianti hanno la stessa età dell'accusato e si aspettano che sia fatta giustizia". Sachsenhausen fu fondato nel 1936 come primo nuovo campo dopo che Adolf Hitler diede alle SS il pieno controllo del sistema dei campi di concentramento nazisti. Più di 200.000 persone furono detenute lì tra il 1936 e il 1945, e decine di migliaia morirono di fame, malattie, lavoro forzato e altre cause, nonché attraverso esperimenti medici e omicidi sistematici perpetrati dalle SS con fucilazione, impiccagione e gas.

Video del giorno

Bimba di sei anni cade da una giostrina al parco di Porto Mantovano

La guida allo shopping del Gruppo Gedi