L'ex ministro mantovano Bonetti (Italia viva): «C'è un problema di democrazia. Sgombriamo il campo»

«Oggi non offriamo semplicemente le nostre poltrone per dire che non ci rendiamo complici di un atteggiamento inadeguato, ma così apriamo uno spazio perché ciascuno si assuma la responsabilità»

ROMA. «Cosa facciamo? Innanzitutto oggi non abbiamo chiuso gli occhi di fronte alla realtà. Questa crisi è proprio il nostro momento opportuno: oggi c’è urgenza di risposte, di verità e di fronte a questo tentennamento, a questo balbettio, ma noi oggi offriamo non semplicemente le nostre poltrone per dire che non ci rendiamo complici di un atteggiamento inadeguato, ma così apriamo uno spazio perché ciascuno si assuma la responsabilità. Si vuole aprire un tavolo politico, non per spartirci le poltrone? Va bene».

Lo ha detto la mantovana Elena Bonetti, in conferenza stampa con Matteo Renzi e Teresa Bellanova. «Noi lo facciamo per sgombrare il campo. Ho servito il mio Paese e quando le dimissioni saranno accettati tornerò a servire il Paese insegnando ai ragazzi. Il nostro Paese ha un problema di democrazia. Lo stile della decisioni all’ultimo minuto, le decisioni dei pochi e senza perchè non è accettabile per una donna di scienza», ha aggiunto la ministra dimissionaria delle Politiche per la famiglia.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi