In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

I giochi di luce per NataleNon ci sarà il blu notte

Le luminarie lungo le principali vie del centro.

1 minuto di lettura
Piazza Sordello: le luci blu del Natale 2008 
C'è attesa, in città, soprattutto tra i commercianti dell'Uncom, per le nuove luci di Natale che disegneranno il centro storico. Ieri sono state diffuse le prime simulazioni effettuate al computer. Martedì pomeriggio, verrà disvelato il mistero dei «giochi di luce» pensati dall'Amministrazione comunale per celebrare il Natale 2009. Non ci saranno i lampioni blu dello scorso anno e nemmeno le vecchie luminarie che fanno tanto festa di paese. «Sarà un bell'effetto scenico» assicurano da via Roma.

L'attesa in città per scoprire questi «giochi di luce» cresce giorno per giorno. Soprattutto tra i commercianti del centro, che avrebbero voluto dire la loro sul progetto e che per non essere stati coinvolti aspettano di vedere i risultati prima di commentare.

Per ora ci solo solo indiscrezioni su come sarà illuminato il centro. Si parla di immagini e testi di argomento natalizio che verranno proiettati sulle facciate di edifici e monumenti e anche sulle strade per creare un effetto il più coinvolgente possibile. I proiettori sono già stati installati lungo il percorso prescelto: via Roma, corso Umberto, via Verdi, piazza Marconi, piazza Mantegna, piazza Erbe e piazza Broletto Diffuse alcune simulazioni via computer che mostrano via Verdi e corso Umberto immersi nel buio e rischiarati da frasi luminose proiettate sulle facciate degli edifici.

In corso Umberto si legge: «Una buona coscienza è un Natale perpetuo (Benjamin Franklin)», con enormi fiocchi di neve luminosi a far da cornice ed estendersi fin sull'acciottolato. Non sarà il blu la tonalità prevalente delle luci come l'anno scorso, ma il bianco e il rosso. Con una chicca: piazza Broletto sarà dedicata all'Unesco con effetti luminosi speciali che faranno apparire la fontana avvolta nel ghiaccio, mentre un sottofondo musicale allieterà i passanti.
I commenti dei lettori