In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Investita mentre attraversa con la bicicletta a mano

Pensionata di Cerese uccisa da un furgone al ritorno da un pomeriggio al circolo con gli amici

1 minuto di lettura
VIRGILIO. Stava tornando a casa dopo il pomeriggio passato a giocare con gli amici al circolo. È scesa dalla bicicletta per attraversare la statale della Cisa quando è stata investita da un furgone.

Gabriella Piccagli, 76 anni, pensionata di Cerese, è morta ieri sera al Poma, cinque ore dopo l’incidente. Nell’urto è stata sbalzata contro il parabrezza del furgone e ha sbattuto la testa con molta violenza.

Subito dopo l’incidente era stata sottoposta ad una Tac per verificare l’entità del trauma cranico che ha riportato: i medici del Pronto soccorso non avevano sciolto la prognosi, temendo il peggio.

L’incidente è avvenuto poco dopo le sei di ieri pomeriggio. A quell’ora la pensionata è uscita dal circolo Acli gestito dalla parrocchia che frequenta spesso, soprattutto di domenica quando vengono organizzate le tombolate per gli anziani del paese.

Molto probabilmente ha percorso un tratto del marciapiede, che è molto largo, in sella alla bicicletta. Poi, quando si è trattato di attraversare la strada per andare verso casa, è scesa dalla bici e l’ha portata a mano costeggiando le strisce. Movimenti abituali, che aveva fatto centinaia di volte. C’era molto traffico, ieri pomeriggio, come spesso accade in quel tratto di ex statale.


«Avevo auto davanti e auto dietro, non l’ho vista in tempo» dice il conducente del furgone Fiat Scudo che l’ha travolta, un uomo di Mantova che stava andando a Luzzara a trovare l’anziana madre. «La signora è passata tra un’auto e l’altra, sulla carreggiata opposta, e io me la sono trovata davanti all’improvviso. Andavo piano ma non sono riuscito a frenare».

L’automobilista ricorda di aver visto piombare la signora proprio contro il parabrezza, che si è infranto. «Deve aver preso un brutto colpo. Ho chiamato subito l’ambulanza e nell’attesa dei soccorsi ho cercato di parlarle. Non rispondeva però respirava ancora». Per i rilievi sono intervenuti i carabinieri di Bagnolo.
I commenti dei lettori