In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il bar vuole diventare discoteca. Paese diviso: appelli e denunce

Asola, doppia raccolta firme. Alcuni residenti si lamentano della musica troppo alta. Ma ragazzi e genitori esultano: finalmente un locale in paese, così non viaggiamo più di sera

1 minuto di lettura

ASOLA. Il locale Caffè del Forno, in via Mantova in ingresso ad Asola, in questo periodo è oggetto di denunce da parte di diversi residenti per la musica troppo alta, ma anche di appelli in coro di tantissimi giovani per la mancanza di uno spazio per loro dove trascorrere ore di spensieratezza tra eventi e musica.  Il locale all'inizio della sua apertura era stato richiamato alcune volte per il rispetto di alcune regole dalla polizia locale, con controlli dei carabinieri a sorpresa, ma da quando Maurizio Bellintani ha preso la direzione del locale le cose sono migliorate e i giovani giungono a centinaia dalle vicine province.

Non è novità che ad Asola sia inesistente uno spazio per i giovani e Bellintani con esperienza alla discoteca Bambù a Mantova spiega che ciò che sta realizzando con fatica ad Asola non è altro che «uno “Spazio giovani” che accolga di giorno persone e famiglie di ogni età, ma alla sera sia un luogo di sano divertimento per tanti ragazzi abituati ad uscire di casa alle 23-23,30 e poi costretti a fare tanti chilometri per raggiungere il lago, la più vicina discoteca o locali notturni nelle lontane città. Il Caffè del Forno ora rispetta alla lettera gli orari di cessazione musica a diversità di alcuni altri locali asolani e poi rimane aperto in silenzio fino a tarda notte ad accogliere tanti giovani di rientro dalle discoteche per uno spuntino o addirittura la colazione, per delle partite a biliardino e per quattro chiacchiere proprio per tirar mattino» I residenti ad alcune centinaia di metri dal locale si lamentano per la musica troppo alta nel periodo estivo dove le finestre per il caldo sono aperte.

Da parte di Bellintani c'è la disponibilità e l'apertura nel trovare una soluzione a riguardo, abbassando ancora ulteriormente un po' il volume della musica e ad offrire serate non solo di musica House, ma come già si fa di altri generi, prossimamente anche liscio con Felice Piazza, ed eventi di divertimento-gioco-sportivo, ma ricorda che il Caffè del Forno non disturba fino a tarda notte: dalla domenica al giovedì può fare eventi musicali fino alle 24 e il venerdì e sabato fino all'una. Tra gli asolani che confermano la musica troppo alta ci sono anche genitori comunque ben contenti di avere finalmente un locale per i propri ragazzi in paese «con quello che costa la benzina e l'avanti e indietro in piena notte che facciamo noi genitori nell'accompagnarli e andare a riprenderli lontano nelle discoteche ben venga di sopportare la musica fino all'una nel fine settimana di un locale da anni tanto desiderato, sempre promesso in campagna elettorale dalle varie amministrazioni, ma mai realizzato».

I commenti dei lettori