Susanna Rigacci e le musiche da film

Il soprano offre anche una giornata di audizioni e consigli ai giovani (e non)

Susanna Rigacci ha una voce straordinaria, anche quando semplicemente parla. C’è chi la conosce per la sua carriera di cantante lirica, chi di più per aver lavorato per tanti anni con Ennio Moricone, altri la ricordano ammirati per il Festival di Sanremo del 2011, nel quale accompagnò i “La Crus” nella canzone “Io confesso”, chiamata da Gianni Morandi proprio perchè serviva una voce lirica.

Susanna Rigacci, il pomeriggio di domenica 24 febbraio, al teatro Sociale porterà il suo spettacolo “Incanto cinema - le più belle colonne sonore di film” e ieri lo ha presentato nel Ridotto insieme al suo manager Danilo Del Santo, che l’ha spinta a percorrere questa via del pop lirico, che tanto successo sta riscuotendo.

«Torno molto volentieri a Mantova - ha esordito - dove ho debuttato giovanissima nel Barbiere di Siviglia, in seguito a un concorso per voci nuove organizzato da Franca Valeri».

Anche ricordando quell’opportunità che ebbe da giovanissima, Susanna Rigacci - che tiene molti master anche all’estero - vuole offrire un’opportunità ai giovani (ma non solo) mantovani che desiderano farsi ascoltare da lei e ricevere dei consigli. «La voce è uno strumento, io ho avuto la fortuna e l’onore di grandi maetre come Gina Cigna e Iris Adami Corradetti. Non darò e non dò mai giudizi sulla voce, piuttosto mi informo su perchè chi canta ha una certa postura e impostazione. Confrontandomi, posso dare suggerimenti utili». Un’opportunità il cui valore ha ben colto l’ex direttore del conservatorio Giordano Fermi, che l’ha ringraziata. Chi volesse partecipare a questa sorta di audizioni, può richiederlo a Giovanni Fava (On Air Production) alla biglietteria del Sociale (0376 1974836, ore 16-19).

Lo spettacolo del soprano Rigacci è rivolto soprattutto alle famiglie, tanto che il prezzo sarà tenuto basso (probabilmente 15 euro) e soprattutto l’ingresso sarà gratuito per tutti i bambini e ragazzi fino a 14 anni. «Ci saranno le più belle colonne sonore, da Il Mago di Oz a Il re Leone, la vita è bella, La bella e la bestia. Ma anche Summertime che canterò in maniera lirica, Moon River, The Look of the love da Casinò Royal, Don’t cry for me Argentina».

Video del giorno

Prostituzione e violenze sessuali, sgominata a Bologna banda che reclutava giovani ragazze albanesi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi