Addio a Claudia Moretti, artista sensibile e insegnante

Un lutto ha colpito il mondo dell’arte e della scuola. Ieri è morta Claudia Moretti, artista poliedrica e per anni insegnante di educazione artistica alla scuola media Alberti di Mantova, dove...

Un lutto ha colpito il mondo dell’arte e della scuola. Ieri è morta Claudia Moretti, artista poliedrica e per anni insegnante di educazione artistica alla scuola media Alberti di Mantova, dove abitava. Originaria di Quistello dove era nata 63 anni fa, Claudia Moretti si era laureata al Dams di Bologna per poi intraprendere la strada dell’insegnamento. Parallelamente ha coltivato il suo amore per l’arte che ha trovato espressione in varie forme, dalla pittura alla scultura e, ultimamente, nella lavorazione della carta. Il ricordo va allo scorso anno a Quistello quando, alla festa del dopo terremoto, stupì tutti facendo vedere gli effetti del sisma muovendo appena un rotolo di carta. Il mondo artistico l’ha subito riconosciuta come una dei suoi figli più originali, tanto che ha esposto in varie città. Mantova, nel 2012, le ha dedicato un’antologica alla Casa del Mantegna curata da Luciano Pozzi. Claudia Moretti era da anni in lotta con la malattia, a cui si è opposta con tutte le forze. Ha lavorato e prodotto sino alla fine. La sua ultima uscita pubblica è stata nel maggio scorso in occasione di Mantova Creativa a cui ha partecipato con installazioni e performance a Palazzo Masserani. Nell’ora del dolore la ricordano tutti coloro che l’hanno conosciuta alla scuola Alberti, «dove abbiamo condiviso un lavoro impegnativo, ma gratificante e dove Claudia riusciva a coinvolgere con la sua creatività e umanità tutti i ragazzi. Di lei restano le opere che raccontano la sua storia interiore, fragile e forte, sofferta e risolta».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La furia della tempesta si abbatte su un vivaio mantovano

La guida allo shopping del Gruppo Gedi