In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Cane chiuso in gabbia da cinque anni, gli animalisti lo salvano

Le guardie ecozoofile dell'Oipa di Mantova hanno una segnalazione di una famiglia che voleva sopprimere il proprio cane, Marley, un incrocio breton di taglia medio piccola, perché aggressivo. Ma quando sono andati sul posto hanno trovato uno scenario ben diverso: il cane era rinchiuso in una gabbia. Da cinque anni. E ora cerca casa

Vincenzo Corrado
1 minuto di lettura

MANTOVA. Volevano sopprimere il cane perché abbaiava ai gatti del vicino. Un altro caso surreale di insensibilità nei confronti degli animali si è verificato la settimana scorsa in un paese dell’Ostigliese.

Le guardie eco zoofile dell'Oipa di Mantova ricevono una segnalazione di una famiglia che vuole sopprimere il proprio cane, Marley, un incrocio breton di taglia medio piccola, perché aggressivo. Ma quando si dirigono sul posto, accompagnate da un educatore cinofilo, trovano uno scenario ben diverso.

Il cane, rinchiuso in un recinto da 5 anni, è visibilmente stressato dalla condizione inadeguata alla sua natura, ma non denota alcun segno di aggressività o patologie comportamentali che giustifichino la soppressione. Dopo alcune indagini, le guardie scoprono che la famiglia, esasperata dai continui litigi con la vicina di casa infastidita dai pianti di lamentela del cane rinchiuso, aveva provato a contattare il canile per liberarsi dell’animale.

Presi dalla disperazione, i padroni avevano pensato di chiamare il veterinario per informarsi su come fare per sopprimere il cane. Il veterinario ha informato la famiglia del povero Marley dell'illegalità della richiesta e ha subito allertato le guardie che sono intervenute immediatamente per evitare che la disperazione inducesse la famiglia a compiere chissà quale altro gesto folle.

Marley è stato visitato da un educatore cinofilo, il quale ha riscontrato che l'animale è molto affettuoso e bisognoso di attenzioni, traumatizzato dal troppo tempo passato rinchiuso da solo in una gabbia. Al momento Marley si trova in mano ai volontari dell’Oipa, sta seguendo un percorso di rieducazione ed è in cerca di una nuova famiglia in grado di dargli le attenzioni che merita.

 

 

I commenti dei lettori