Ogm, appello della senatrice-scienziata: serve solo la verità

La senatrice a vita e scienziata Elena Cattaneo

Convegno di Confagricoltura sulla ricerca genetica. "Più Ogm significa meno chimica, poi c'è il divieto di coltivazione ma ne importiamo dall'estero"

«La verità, vi prego, sulla scienza». È racchiuso nelle parole pronunciate dalla senatrice e scienziata Elena Cattaneo il messaggio lanciato da Mantova alla politica e all’opinione pubblica sul complesso capitolo Ogm. Un approccio pragmatico, non chiedono altro i ricercatori e gli imprenditori agricoli presenti al dibattito dal titolo “L’intelligenza italiana rilancia la ricerca genetica in agricoltura”, promosso da Confagricoltura Lombardia e Veneto.

«Noi studiosi abbiamo il dovere di consegnare qualcosa di buono agli altri – ha sottolineato la Cattaneo – Sappiamo fare il nostro mestiere, ma devono permettercelo. Siamo i primi a porci delle domande, ma per trovare risposte abbiamo bisogno di raccogliere idee, proposte e considerazioni di imprenditori, agricoltori, professionisti. Di quanti, come noi, hanno un estremo bisogno di verità. Continuare a osteggiare la ricerca – conclude – non è forse come badare solo a quel 2% di italiani che veste in cashmere senza pensare a quel 98% che non ha neppure la lana? E poi basta generalizzare, per ora in Europa si coltiva solo una varietà: il mais Mon 810. Dovremmo iniziare a parlare di un Ogm per volta».

Un intervento applauditissimo, il suo, da quanti ritengono che gli agricoltori paghino le spese di un paradosso tutto italiano. «Perché – come evidenziato dal presidente di Confagricoltura Mantova e Lombardia, Matteo Lasagna – gli organismi geneticamente migliorati sono entrati ormai da tempo nelle diete dei nostri allevamenti e abbiamo il sacrosanto diritto di poterli coltivare nel rispetto di una libertà di scelta che dev’essere garantita».

In Italia – lo ricordiamo – è vietato coltivare Ogm, ma ne importiamo in grandi quantità perché la produzione interna non è sufficiente. La maggior parte della carne (dai manzi ai conigli, dai polli ai maiali), del latte, dei salumi, formaggi, latticini, yogurt e così via che troviamo in Italia hanno nella loro filiera produttiva mais e/o soia biotech. Però coltivati all’estero.

E a dare un’idea di quanto costa a un agricoltore italiano il divieto di coltivare Ogm è il presidente di Confagricoltura Veneto, Lorenzo Nicoli: «I più ottimisti dicono che perdiamo 400 euro per ettaro. E 100mila litri di insetticidi, pari a 45 milioni di euro. Insomma, più Ogm vuol dire meno chimica».  Dello stesso avviso Roberto Defez, primo ricercatore dell’Istituto di genetica e biofisica del Cnr a Napoli, che ha sottolineato la necessità di una «enorme alleanza tra agricoltura e ricerca» sull’argomento. Mentre Dario Bressanini, chimico, divulgatore scientifico e insegnante con cesto di mele a seguito, ha ricordato  come l’agricoltura moderna faccia largo uso di sostanze chimiche per proteggere i prodotti da infestanti e parassiti. Ma forse non tutti lo sanno.

            

Fra gli ospiti della giornata anche il presidente nazionale di Confagricoltura, Mario Guidi, che ha chiuso i lavori con un appello alla politica: «affinché apra alla ricerca a fatti e non a parole». In collegamento Paolo De Castro, presidente del gruppo Spd nella Commissione Agricoltura del Parlamento europeo e già ministro delle Politiche agricole, e  Lara Comi, membro della Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori. Tutti d’accordo sul fatto che l’ultima parola spetti alla scienza.

 

 

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

La guida allo shopping del Gruppo Gedi