Martina, Vanessa e un ettaro di felicità in affitto

Vanessa e Martina sono due ragazze di San Martino dell'Argine. Hanno deciso, dopo aver girovagato in lavori precari, di coltivare erbe e ortaggi in un terreno preso in affitto. La loro piccola azienda agricola "Verdure sott'Oglio" è la ricetta contro la crisi. La felicità, per queste due intraprendenti ragazze, sta tutta in un ettaro

MANTOVA. Fra erbette profumate, verdure, fiori e fragole, in questo grande orto da cartone animato spunta un cartello: “Vietato calpestare i sogni”. E chi lo farebbe, di fronte alla bellezza di una visione realizzata? Questo trionfo dell’immaginazione si chiama “Verdure sott’Oglio”, Oglio come il fiume, che è proprio lì vicino, ed è un ettaro coltivato da due giovani donne proprio sulla soglia di San Martino dall’Argine.

Vanessa Gandolfi, 28 anni, ha iniziato l’avventura di coltivare la terra insieme all’amica Martina Parisio, 28 anni. La loro è una storia che dimostra come sia possibile quanto spesso ci sembra, al contrario, inimmaginabile: cambiare vita. E dimostra che si può ridere di gusto lavorando.

«E’ fatica, però, lo scriva- dicono le due ragazze - perché noi qui ci stiamo da quando spunta il sole fino a quando c’è luce». Certo la fatica, certo le responsabilità di gestire il proprio. Ma Vanessa e Martina hanno scelto di abbandonare vite lavorative precarie o non soddisfacenti per «tornare alla natura» e vendere quello che riescono a coltivare. Lo hanno fatto sotto casa, non in una remota isoletta: questo, per loro, è motivo di orgoglio perché la felicità non è altrove.

«Lo diciamo spesso anche ai nostri amici disoccupati: date libertà alle vostre idee». Sta di fatto che lo scorso anno Vanessa e Martina hanno preso in affitto questo terreno, che sulla strada di accesso al paese è segnalato con due cartelli ed una vecchia bicicletta, e si sono messe a coltivare in modo del tutto naturale, cioè senza uso di prodotti chimici.

«Questo per noi - spiegano - è un valore. Non vogliamo entrare nella filiera ufficiale del biologico perché saremmo costrette a rivedere completamente il nostro assetto e dovremmo piegarci a logiche che non ci piacciono. Ma la sostanza è quella: da noi il rispetto per la terra è sacro e vogliamo che i frutti del nostro lavoro siano puliti. Io nostro è un orto biodinamico: le piante si aiutano a vicenda. Lei lo sapeva che la cipolla è un’ottima difesa dai parassiti? In più non compriamo mai alcunché, usiamo tutto materiale di recupero. Casse, cisterne, carri, tutto viene recuperato da amici o conoscenti e viene riadattato alle nostre necessità. Gli oggetti hanno un valore e non vogliamo sprecare».

Di più: “Verdure sott’Oglio” non ha nemmeno la corrente elettrica: «Una scelta - sorridono - allo stesso tempo etica ed economica. Vogliamo vivere la terra come si faceva una volta». Ortaggi classici, sementi rare, erbe aromatiche di ogni genere, ecco cos’è questo posto: un trionfo di pimpinella, aneto, borragine, cavolfiori viola, pomodori neri di Crimea, peperoni-lanterna, friggitelli. Colori, profumi e sapori sono l’altra faccia di una piccola ma speciale ricetta anti-crisi.

Per Vanessa e Martina, che presto saranno affiancate da due nuovi soci, Zeudi Garatti e Omar Zeli, sta funzionando. Oltretutto l’orto si sposta idealmente in città ogni mercoledì: «Abbiamo pensato - spiegano le ragazze - che sarebbe stato bello dare a tutti la possibilità di mangiare i nostri prodotti e così, su prenotazione, portiamo verdure, erbe e frutti a domicilio. Per ora solo a Mantova ma stiamo pensando di puntare anche ad altre città, visto che avremo due nuovi soci».

L’ultima sfida di “Verdure sott’Oglio” si chiama zafferano. Vanessa e Martina stanno raccogliendo i fiori per avviare una produzione che, nelle intenzioni delle ragazze, dovrà crescere già l’anno prossimo. «E’ una produzione particolare - racconta Vanessa - e bisogna tenere conto del fatto che va fatto tutto a mano, fiore per fiore: un lavoraccio. Qui la terra va bene, ed il clima pure: lo zafferano dovrebbe ripagare la fatica perché si vende a 18-20 euro al grammo. Insomma, è una grande sfida: intendiamo proporlo anche ai ristoranti».  “Verdure sott’Oglio” è in via Dante Alighieri a San Martino dell'Argine (Mantova). Telefono: 331-4341178 o 340/3885633.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La fuga disperata dalla trappola russa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi