Via l’amianto, tornano i disperati

A Borgochiesanuova le ex serre sono rifugio per i senzatetto. Gli abitanti chiedono aiuto al Club 3 Età.  E alle spalle del Famila di nuovo rifiuti ai bordi della strada

MANTOVA. Tolto l’amianto (e non è poco) il degrado rimane. Nelle ex serre Pecorari tra via Rinaldo Mantovano e strada Circonvallazione sud, ai margini di Borgochiesanuova, il complesso abbandonato da anni è tornato ad attirare visite notturne di senza tetto. La segnalazione è arrivata dagli abitanti della zona allo sportello del Club delle Tre età di via Indipendenza, che girerà il tutto alla polizia locale. «Purtroppo è un problema che ritorna e che verosimilmente continuerà a caratterizzare quella striscia del quartiere fino a quando il vecchio complesso non verrà trasformato in qualcosa d’altro» osserva il presidente del Club, Luciano Tonelli.

Siamo nella periferia sud della città, quella che si è molto espansa lo scorso decennio con la nascita di nuovi insediamenti quali le Torrette e Borgonuovo, con pregi e difetti. Poi è arrivata la crisi e tanti cantieri si sono interrotti lasciando scheletri vuoti nella città. Altri non sono mai partiti, come quello che avrebbe dovuto far nascere delle palazzine al posto delle gloriose serre che costeggiano il tratto di circonvallazione che va dall’incrocio con la Sabbionetana a via Rinaldo Mantovano.

In realtà, proprio negli ultimi mesi sono riprese le attività con la bonifica dell’amianto presente nella struttura, dal vecchio impianto di riscaldamento per le piantine ai tetti in eternit dei capannoni. «Buona notizia, ma gli abitanti spiegano che di notte entrano nel complesso persone a dormire e la cosa non è piacevole» riferisce Tonelli. Va anche detto che le ex serre sono in ogni caso diventate in questi anni una sorta di discarica e deposito abusivo di tutto e di più, compresa la carcassa di un’auto. Ma lo sportello del Club ha raccolto altre segnalazioni dai quartieri della periferia sud ovest della città. Ad esempio l’assenza di cura della grossa aiuola verde al centro della rotatoria all’ingresso delle Torrette, sulla Sabbionetana.

«Alcuni abitanti del quartiere si sono lamentati per l’incuria in cui vengono lasciati i terreni circostanti con il conseguente sviluppo di colonie di topi» riferisce Tonelli. E, ciliegina sulla torta, l’abitudine di persone incivili di passare nelle ore serali con l’auto nella strade di Borgonuovo (alle spalle dell’ArciTom e del supermercato Famila) e buttare dal finestrino sacchetti pieni di immondizia ai bordi della strada.

Video del giorno

La mostra dei trattori antichi a Castel Goffredo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi