Carabinieri in agguato: presi i ladri di metallo

In manette due pregiudicati dopo il raid nel capannone della Pircher, inutile la fuga nei campi

GONZAGA. I carabinieri sapevano che sarebbero tornati e li hanno attesi. Per giorni i militari di Gonzaga hanno sorvegliato la zona, opportunamente nascosti, finché la coppia di ladri è entrata in azione e la rete è scattata. I malviventi hanno lasciato perdere il furgone, con il bottino in parte già caricato, e hanno cercato rifugio nei campi. Nulla da fare per Antonio Muto, 46 anni, residente a Bagnolo in Piano (Reggio Emilia) e Ferdinando Muto, 45enne di Reggio Emilia: circondati dai carabinieri, che nel frattempo avevano chiamato rinforzi, sono stati bloccati e messi in manette.

I militari dell'Arma hanno anche sequestrato il furgone Fiat Iveco con cui i ladri contavano di allontanarsi con il metallo rubato nell'azienda. I carabinieri hanno potuto constatare che per raggiungere il magazzino avevano tagliato la rete di recinzione. Il materiale ferroso e l'alluminio per un valore di oltre 5mila euro, già caricati sul mezzo di trasporto, sono già stati restituiti alla proprietà. I due pregiudicati, resteranno in camera di sicurezza fino al processo per direttissima, previsto per oggi, giovedì mattina. 

 

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi