Rogo in fabbrica a Castel Goffredo, danni per 4 milioni. E si accendono altri focolai

L'intervento a Castel Goffredo all'indomani dell'incendio (foto Pnt)

La procura apre un'inchiesta, sotto sequestro il capannone bruciato. Collassata la struttura: in fumo 5mila metri quadrati. Vigili del fuoco al lavoro tutta notte nel capannone dell'azienda di led e impianti Arena Luci: impegnati 20 uomini divisi in cinque squadre, arrivati rinforzi anche da Cremona e Brescia. Partito lo smassamento: "Ci vorranno giorni" 

CASTEL GOFFREDO. Ammontano a 4 milioni di euro i danni provocati dall'incendio di vaste proporzioni divampato nella serata tra giovedì 27 e venerdì 28 agosto a Castel Goffredo. Ad andare a fuoco: l’azienda Arena Luci, di via Svizzera, nell’area di fronte all’hotel Roccolo. Il rogo, le cui cause sono ancora in corso di accertamento, è divampato attorno alle 21.30: tutto è partito dall’interno del capannone dove si assemblano e producono lampade a Led.In serata si sono riaccesi dei focolai: i vigili del fuoco sono così tornati in via Svizzera.

LE FOTO

Con in campo cinque squadre (tre autobotti provenienti da Mantova, Cremona e Brescia, un'autoscala e altri due mezzi) per un totale di 20 uomini, i vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte per domare le fiamme. Solo verso la mattinata il diradarsi del fumo ha concesso loro di accedere all'interno del capannone che nel frattempo era per la metà collassato su se' stesso per una superficie totale di circa 5mila metri quadrati. Nella mattinata di venerdì, alle 8, alle squadre intervenute durante la notte sono subentrati altri colleghi per iniziare le operazioni di smassamento totale del capannone e di quanto c'era al suo interno: luci, materiale fotovoltaico, impianti da discoteca. "Ma ci vorranno giorni" hanno avvertito dal comando dei vigili del fuoco di Mantova. Intanto i carabinieri hanno sequestrato la struttura e la procura si Mantova ha aperto un'inchiesta.

IL VIDEO (1)

Incendio all'Arena luci di Castel Goffredo

IL VIDEO (2)

L'intervento dei vigili del fuoco nella fabbrica di Castel Goffredo

Informati Comune e prefettura, intanto la strada di accesso alla fabbrica è stata chiusa nella notte con un'ordinanza del sindaco.

Secondo le prime ipotesi, le fiamme si sarebbero propagate per un corto circuito partito nel reparto delle punzonatrici e quindi velocemente estese al tetto fotovoltaico. I magazzini sono quindi pieni di materiale infiammabile e di plastiche. In pochi minuti le fiamme hanno attaccato lo stabilimento. Una densa colonna di fumo nero si è alzata ed è risultata visibile a chilometri di distanza.

Secondo le prime testimonianze, si sarebbero distintamente avvertite tre esplosioni provenienti dall’interno dello stabilimento. In pochi istanti le fiamme si sono alzate, alimentate dalle sostanze plastiche che servono nel ciclo di produzione. L’allarme è scattato e sul posto sono giunti subito due mezzi antincendio dei Vigili del fuoco provenienti dal distaccamento di Mantova. Operando attraverso le lance ad acqua, sono in un primo tempo riusciti a contenere la furia delle fiamme. Che però sono nuovamente divampate a distanza di pochi minuti, attorno alle 22.


Numerosi i cittadini che si sono recati sul posto, attirati dal bagliore dell’incendio chiaramente distinguibile dal centro della cittadina e dal denso ed acre fumo che si è levato. Sul posto anche i carabinieri della stazione di Castel Goffredo, la Protezione Civile e l’amministrazione comunale con il sindaco Alfredo Posenato e il vicesindaco Davide Ploia.


Arena luci Srl da trenta anni opera nel mercato dell’illuminazione a led «per offrire le migliori soluzioni e i prodotti più performanti» come si legge nei dèpliant di presentazione aziendale. Fondata nel 1983 da Primo Bertani, l’azienda in questi decenni ha ottenuto numerosi riconoscimenti per la qualità e l’affidabilità dei propri prodotti, soprattutto a led. All’interno dell’azienda, infatti, si trovano i reparti Ricerca e Sviluppo, Progettazione, Produzione e Assemblaggio, Officina.
 

Ancora da quantificare, i danni sono comunque ingenti.

Video del giorno

Omnia Mantova - Toh, ci fu il Trecento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi