In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Cia benefica a Expo con il Parmigiano Successo per l’asta

«Oggi a Expo celebriamo un momento consueto, quello del taglio di una forma di Parmigiano, per sottolineare due questioni fondamentali: la grande capacità di produrre del nostro territorio e la...

1 minuto di lettura

«Oggi a Expo celebriamo un momento consueto, quello del taglio di una forma di Parmigiano, per sottolineare due questioni fondamentali: la grande capacità di

produrre del nostro territorio e la capacità di saper fare. Che, a Expo, rappresenta una prova di forza di un piccolo territorio come il Basso Mantovano. La seconda valenza dell'iniziativa è che ciò avvenga in un contesto benefico, che lega il Basso Mantovano e il Nepal; luoghi entrambi colpiti dal terremoto, seppure per noi sia stato molto meno

devastante». Lo ha detto l'assessore Gianni Fava intervenendo all'iniziativa “Una forma d'amore ritrovata”, l'asta benefica organizzata a Pianeta Lombardia dal caseificio Vo' Grande di Pegognaga in collaborazione con la Cia. Dopo l'apertura della forma di Parmigiano di 10 anni, ritrovata intatta dopo il sisma, i 32 pezzi sono stati battuti all'asta in media tra i 100 e i 120 euro. In totale la forma pesava 36

chili. L'assessore Fava ha acquistato un pezzo da circa due chili, a 140 euro.

I commenti dei lettori