Mantova: una marea di punti slot, si gioca in 600 locali

Solo nel capoluogo se ne contano 68. La media è di uno ogni 702 abitanti I bar al primo posto: 408. Poi le tabaccherie: 79. Anche ristoranti e alberghi. L'indagine è stata svolta in collaborazione con Dataninja

MANTOVA. Luci, sogni e illusioni con le sembianze di monitor e pulsantiere. Macchinette affamate che ingoiano gettoni e soldi e fanno ruotare vorticosamente i simboli dell’azzardo. Strizzando l’occhiolino alla Dea Bendata. Che raramente abbocca.

Sono 591 in provincia di Mantova i punti slot autorizzati al 30 novembre di quest’anno secondo le ultime rilevazioni dell’agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Uno ogni 702 abitanti, con una media di 8,5 per ogni paese. Bar, agenzie scommesse, alberghi, edicole, ristoranti, tabaccherie e sale bingo. Ce n’è uno in ogni angolo della provincia, da Acquanegra a Volta Mantovana (in ordine alfabetico) con l’eccezione di tre Comuni “slot free”: Commessaggio, Mariana Mantovana e Borgofranco.

In termini assoluti e per numero di sale slot, nella top-ten ci sono ovviamente i comuni con il più alto numero di abitanti. Ecco la classifica: Mantova (68), Castiglione (31), Suzzara (28), Viadana (28), Borgo Virgilio (23), Asola (17), Goito (17), Marmirolo (16), Ostiglia (16), Pegognaga (15), Porto Mantovano (15), Curtatone (14), Roverbella (13).

LA PIU’ ALTA DENSITA’

Ragionando in termini di densità (punti slot per numero di abitante) al primo posto troviamo Casalromano, con 5 esercizi, uno ogni 298 abitanti. Al secondo posto Quingentole (3/405 abitanti), al terzo Bozzolo (10/423 abitanti). Mantova capoluogo si piazza vicino alla media provinciale con un punto autorizzato ogni 716 abitanti.

(naviga la mappa, il numero della densità si riferisce al numero di abitanti ogni locale con slot)

I tre comuni dove invece è più basso il rapporto tra i dispositivi per il gioco d’azzardo e la popolazione sono rispettivamente Piubega (1.737 abitanti e una sola sala slot), Castel Goffredo (9 sale slot, una ogni 1.392 abitanti) e Ceresara (2 punti slot, uno ogni 1.347 abitanti). Gli unici due paesi dove è presente un solo locale che accoglie le slot sono Piubega e San Giovanni del Dosso.

BAR AL PRIMO POSTO

I 591 locali sparsi sul territorio provinciale sono nel 69% dei casi (408) bar o esercizi assimilabili. Subito dopo rivendite tabacchi e ricevitorie lotto (79, 13,3%). Le sale giochi e gli esercizi dedicati Vlt Slot sono 56 (9,4%). Una ventina i circoli privati.

MANGIA E GIOCA

Sorpresa, ma mica tanto: si può giocare alle macchinette anche in 15 ristoranti o esercizi assimilabili. Come dire: primo, secondo, frutta o dolce e tenta la sorte. Dove? Acquanegra, Asola, Bozzolo, Castelbelforte, Gazzuolo, Goito, Medole, Revere, Roverbella, Sabbioneta, Serravalle Po, Sustinente, Suzzara.

DORMI E GIOCA

Una postazione è stata autorizzata anche in due alberghi: a Bagnolo San Vito e a Bozzolo.

GIOCO-CAFFE’

È Mantova il comune dove è più alta la concentrazione di bar autorizzati: 38 in totale. Al secondo posto Castiglione (19), al terzo Suzzara (18), al quarto Viadana (17) e al quinto Borgo Virgilio (16).

GIOCO E FUMO

Il record delle tabaccherie e ricevitorie lotto spetta sempre al capoluogo, con 17 punti slot. Dietro, Castiglione delle Stiviere, con 7 diverse possibilità di acquistare le sigarette e giocare. Sul podio sale anche Viadana (6).

LA RICERCA

I dati contenuti in questo articolo sono stati estrapolati dalle autorizzazioni concesse dall’agenzia delle Dogane e dei Monopoli alla data del 30 novembre 2015. Numeri che variano di giorno in giorno, perché è ormai risaputo che i punti slot nascono e muoiono a ritmi vertiginosi. L’agenzia offre un quadro molto dettagliato, suddividendo i locali nelle varie categorie degli esercizi pubblici, tra agenzie scommesse, bar, tabaccherie, negozi da gioco, rivendite tabacchi e ricevitorie lotto, sale bingo, sale giochi e perfino ristoranti e alberghi. Per ogni comune sono specificati il numero dei locali dove è possibile giocare con le slot machine e la loro categoria di appartenenza.

I DATI REGIONALI E NAZIONALI

Mantova a livello lombardo si colloca nella media del resto delle province, con 15,32 esercizi ogni 10mila abitanti. La provincia con più locali autorizzati è Sondrio, con 22,41 ogni 10mila abitanti, mentre Milano è quella dalla densità di locali minore: solo 12,02 autorizzazioni per 10mila abitanti. I dati nazionali e regionali sono stati elaborati grazie alla collaborazione con Dataninja.

LA MAPPA DELL'ITALIA CHE GIOCA: la Lombardia regione dove si spende di più per abitante

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi