In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Tolleranza zero durante le feste: venti multe in un'ora e mezza

Pattugliamenti extra della Polizia Locale in centro, stangata per i furbetti della sosta selvaggia. Il comandante dei vigili: "Piano straordinario di controlli condiviso con il sindaco Palazzi"

Vincenzo Corrado
1 minuto di lettura

MANTOVA. Sosta selvaggia, per usare un eufemismo. Auto parcheggiate nei posti riservati ai disabili, con due ruote sul marciapiede, oppure con tutte e quattro sulle strisce per gli scooter. E' stata un'antivigilia di fuggi fuggi nei locali del centro di Mantova. Il motivo? Un paio di agenti della Polizia Locale hanno controllato diverse vie pizzicando una ventina di automobilisti che avevano lasciato la macchina in divieto di sosta.

Alle 23 circa di mercoledì, nei ristoranti e nei bar la notizia si è diffusa generando una serie di corse disperate per evitare la multa. Ma le sanzioni sono comunque fioccate.

Queste alcune delle vie finite sotto la lente d'ingrandimento dei vigili: Mazzini, Pescheria, Bertani, oltre a piazza Mantegna, corso Libertà e corso Umberto. Foglietto rosa e qualche imprecazione: Natale amaro per una ventina di mantovani.

Solitamente, dal lunedì al giovedì, i vigili terminano il turno serale alle 20.20 ma, come spiega il comandante della Locale, Paolo Perantoni, nel periodo natalizio il lavoro prosegue anche dopo l'ora di cena. "Sì - conferma Perantoni - in accordo con il sindaco Palazzi è stato deciso di intensificare i controlli nei giorni feriali. Purtroppo abbiamo riscontrato una serie di irregolarità, alcune delle quali deprecabili: diverse auto erano parcheggiate sui posti riservati ai portatori di handicap e altre sulle strisce pedonali. Gli interventi di questi giorni devono servire come deterrente".

Il comandante dei vigili continua spiegando che i pattugliamenti proseguiranno nei prossimi giorni: "Ovviamente i controlli non riguarderanno sempre la stessa zona e soprattutto verranno eseguiti in giorni diversi della settimana: è questo l'unico modo per far sì che non si perda l'efficacia del nostro operato. Non c'è in atto alcun tipo di persecuzione, semplicemente le regole vanno rispettate per evitare il caos e scongiurare disagi a pedoni e e portatori di handicap".

Insomma non multe per fare cassa, dicono da viale Fiume, ma un provvedimento indispensabile per evitare che le ultime serate dell'anno si trasformino in una corsa al posto auto anche nelle zone off limits.

I commenti dei lettori