In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Mantova, strade chiuse e deviazioni: pronto il piano per S.Silvestro

Dalle 23.30 all’una stop alle auto per i fuochi sul ponte di San Giorgio e lungolaghi. Ciclabile off-limits tutto il giorno. In caso di nebbia slitta lo spettacolo pirotecnico

di Monica Viviani
2 minuti di lettura

MANTOVA. Chiusure, sbarramenti, obblighi di svolta e 18 agenti della polizia locale in servizio all night long a presidiare i punti cruciali perché tutto fili liscio: il piano traffico varato dal Comune per la notte di San Silvestro è pronto. Scatterà alle 23.30 e durerà fino all’una quando almeno 15mila persone affolleranno le sponde dei laghi per lo spettacolo di fuochi e luci che a partire dalle 24.20 dal ponte di San Giorgio illuminerà acqua e cielo al ritmo di musica classica. Unica incognita: il meteo. In caso di nebbia fitta o maltempo si rimanda tutto al pomeriggio del 1° gennaio. Ma ecco il piano varato da assessorato alla Polizia locale e comando di viale Fiume.

Ciclabile chiusa dalle 8. Per consentire l’allestimento delle strutture pirotecniche, la pista ciclopedonale che corre sotto al ponte di San Giorgio verrà chiusa dalle 8 di domani alle 3 di venerdì mattina. Verrà realizzata una corsia per pedoni e bici portate a mano sul ponte che sarà debitamente segnalata e presidiata da operatori della polizia locale.

Dalle 23.30 ponte sbarrato. Dalle 23.30 e fino all’una circa verrà chiuso il ponte di San Giorgio, per consentire lo svolgimento dello spettacolo pirotecnico.

Il Comune ha pubblicato su YouTube una simulazione che fornisce un'idea precisa di come sarà lo spettacolo pirotecnico.

...e deviazioni. Sempre dalle 23.30 all’una di notte. Dalla rotatoria di porta Mulina non sarà possibile immettersi in viale Mincio. All’intersezione tra corso Garibaldi e via Frattini: per chi arriva da corso Garibaldi obbligo di svolta in via Frattini e sbarramento della corsia verso via Trieste. All’incrocio tra via Trieste e via Cardone: obbligo di svolta in via Cardone per chi proviene da corso Garibaldi e laterali, da via Trieste e laterali così come da via Gandolfo; per chi esce da via Cardone obbligo di svolta a sinistra verso corso Garibaldi; sbarrata la corsia verso via Fondamenta. Intersezione tra via Pomponazzo e via Fondamenta: per chi proviene da via Pomponazzo obbligo di proseguire in via Trieste e sbarramento della corsia che immette in via Fondamenta. All’incrocio tra lungolago Gonzaga e largo Vigili del fuoco: chi proviene da via Fondamenta come dal parcheggio di Lungolago Gonzaga dovrà svoltare a sinistra per Largo vigili del fuoco; sbarrata la corsia che porta davanti al castello. Viale Mincio sarà sbarrato a partire dalla corsia di accesso a piazza Sordello per consentire l’inversione di marcia in direzione di porta Mulina ai veicoli parcheggiati in precedenza. In via San Giorgio sarà off-limits la corsia di ingresso in direzione di piazza Sordello.

Doppia navetta dalle 19 alle 21. Doppio bus navetta gratuito dalle 19 alle 21 nell’orario di maggior afflusso in città per la serata rock in piazza con dj Ringo (alle 21.30) e il concerto dei Negrita (dalle 22.30). Dalle 17 alle 21 sarà in servizio il bus di Aster già sperimentato durante queste feste natalizie che collega il campo canoa con piazza Sordello. Dalle 19 e fino alle 3 del mattino si aggiungerà poi la navetta Apam (si tratta di un bus urbano da una sessantina di posti) che ogni 15 minuti collegherà piazzale della Favorita con piazza Sordello con fermata al campo canoa. In concomitanza con lo spettacolo pirotecnico il servizio verrà sospeso per ragioni di sicurezza per riprendere subito dopo.

In caso di nebbia... In caso di nebbia fitta o pioggia lo spettacolo di fuochi d’artificio verrà rimandato alle 17.30 del 1° gennaio e verrà protratta sino ad allora la chiusura della ciclabile del ponte di San Giorgio che resterà presidiata.

...ma le previsioni sono buone. Nebbia in dissolvimento a partire dal 30 dicembre grazie a correnti provenienti da est. La previsione è di Marco Giazzi, esperto mantovano di Meteonetwork: «Grazie a questa ventilazione - spiega - le temperature torneranno nelle medie del periodo e mentre sui rilievi si abbasseranno, in città invece, con il dissolversi della nebbia, si alzeranno di qualche grado. E si abbasseranno le polveri sottili». Una folata d’aria se non buona, almeno migliore per brindare al 2016.

I commenti dei lettori