In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Bovimac, le Dop al centro: «Spinta sulla sostenibilità»

Tre giorni di eventi alla Millenaria: con Clal e Ama confronto fra quattro etichette. Spazio anche al Comtè francese. Poi mostra e hamburger al Parmigiano

di Nicola Artoni
2 minuti di lettura

GONZAGA. È per tradizione il primo appuntamento di peso dell’anno per il mondo agricolo mantovano. Da venerdì 22 a domenica 24 negli spazi della Fiera Millenaria di Gonzaga andrà in scena “Bovimac”, ventitreesima mostra bovina d'inverno e ventesima rassegna delle macchine e attrezzature per agricoltura e zootecnica, a ingresso gratuito. Come ogni anno la rassegna metterà in mostra il meglio del settore bovino da latte di Mantova e provincia, un'area di fondamentale importanza a livello nazionale per la qualità della produzione.

E in questo senso il filone principale dell'edizione 2016 della manifestazione, organizzata da Fiera Millenaria assieme ad Ama (Associazione allevatori), Acma (Associazione commercianti macchine agricole) e Confai, con il patrocinio di Provincia e Camera di Commercio di Mantova, sarà quello dei formaggi Dop, con focus particolare sul Parmigiano Reggiano.

«Nel mondo esistono tanti formaggi – spiega Angelo Rossi, fondatore di Clal, sito internet che si occupa di analisi del mercato lattiero-caseario e che negli anni è diventato un punto di riferimento per il comparto – con livelli di consumo molto elevati. In Europa produciamo buoni formaggi, in Italia eccellenti formaggi. Durante la tre giorni di convegno verificheremo, assieme ai produttori, le difficoltà e le opportunità che offre il mercato al giorno d'oggi. L'Italia è la principale produttrice di Dop, ci confronteremo dunque con i diretti produttori di formaggio, ma anche con il mercato e i consorzi». La parola d'ordine è una sola: «Sostenibilità – prosegue ancora Rossi – che oggi deve essere valida per ogni realtà, dal produttore all'impresa di trasporto della merce. Ancora se ne sente parlare troppo poco».

Gli eventi da mettere sotto la lente d'ingrandimento dunque saranno due. Il primo, venerdì 22 a partire dalle 10, sarà il convegno “Protagonisti dei formaggi Dop. Allevatori, consorzi di tutela, consumatori”, organizzato da Clal e Ama. La discussione metterà a confronto alcuni giovani produttori di Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Asiago e Comtè AOP, un formaggio francese, oltre a un produttore di formaggi freschi piemontese. All'interno della discussione verrà presentata anche la nuova piattaforma internet Teseo.Clal.it, che volge il suo sguardo sul sistema stalla nel suo complesso e sulla qualità del latte, offrendo strumenti preziosi per modelli produttivi sostenibili, una vera e propria svolta culturale. In chiusura il giornalista Matteo Bernardelli intervisterà l'assessore regionale lombardo all'agricoltura, il leghista Gianni Fava.

L'altro appuntamento, sempre venerdì 22 ma alle 15, sarà il convegno “Qualità dei prodotti e dei processi produttivi nella filiera del Parmigiano Reggiano. Nuove sensibilità del consumatore e possibili risposte da parte dei produttori”.

Da non perdere anche la ventitreesima mostra bovina d'inverno, dedicata alla frisona da latte, al via sabato 23 alle 9.30 con un'ottantina di animali, e la degustazione di hamburger al Parmigiano Reggiano, in calendario per domenica alle 12.30.

 

I commenti dei lettori