Diretta online sul sito realizzato per il 2016

La diretta dal teatro Bibiena sul sito www.mantova2016.it

MANTOVA. Mantova capitale della cultura si presenta ufficialmente all’Italia. Lo farà questa mattina di fronte al capo del Governo Renzi. Il sindaco Mattia Palazzi, nel suo ruolo di anfitrione, avrà il compito di illustrare il programma di eventi che accompagneranno la città e l’Italia nel corso dell’anno. «Non tutto è ancora stato definito - tiene a precisare il primo cittadino -. Posso, però, anticipare che nel corso di quest’anno avremo oltre mille eventi che spazieranno dalla musica al teatro, dalle mostre all’enogastronomia». In febbraio il ricco carnet di appuntamenti sarà pronto.

La cerimonia di apertura dell’anno di Mantova capitale della cultura sarà il 18 marzo. Gli altri appuntamenti principali saranno la mostra sull’arte contemporanea in estate, quella al museo archeologico dal titolo «salvare la memoria». E ancora quella su Mantova e l’architettura con il Politecnico. Ci sarà anche un convegno internazionale sull’Unesco, «mentre - annuncia il sindaco - con il presidente dell’Anci, Fassino, sto preparando un convegno nazionale sulla cultura». Sono già partite le rassegne musicali (Mantova musica) e teatrale (Mantova teatro) che andranno avanti tutto l’anno. Il Festivaletteratura, inoltre, la manifestazione simbolo della città, sta preparando un’edizione straordinaria per i suoi vent’anni così come Segni di infanzia, il festival dei bambini.

C’è molta attesa per la venuta di Renzi in città e il discorso che terrà al Bibiena. Il Comune ha deciso di trasmetterlo in diretta streaming sul sito www.mantova2016.it, creato apposta per accompagnare la città nel suo percorso di capitale della cultura. E c’è attesa anche tra i media. Finora sono già 80 i giornalisti accreditati delle principali testate radiotelevisive e delle carta stampata. L’evento è pubblico, ma il cerimoniale di Palazzo Chigi ha imposto una lunga lista di invitati, per cui i posti a disposizione sono pochi.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi