Battaglia con Vodafone per il canone sui ripetitori :Castiglione batte cassa

La compagnia telefonica deve 30mila euro, il Comune incarica un legale. Ma il gestore chiede alla giunta di ribassare prima l’affitto

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Tempi di crisi anche per le grandi compagnie telefoniche. È quanto emerge dal contenzioso che riguarda il Comune di Castiglione che è entrato in contrasto attraverso un procedimento di mediazione civile con la Vodafone.

Le compagnie telefoniche pagano un affitto ai Comuni per impiantare le antenne che amplificano e trasmettono il segnale, una cifra che molto spesso serve per far cassa specie se i Comuni si trovano in difficoltà economiche. Le concessioni sono, solitamente, pluriennali e si tratta di un incasso sicuro e garantito. Quando le concessioni scadono, il tentativo delle aziende telefoniche è quello di provare ad abbassare il canone di affitto o, in alcuni casi, di provare a spostare il ripetitore nel comune limitrofo, nella speranza di ottenere vantaggi che, nel paese dove si trova l’antenna, sembrano non arrivare.

Dietro alla richiesta di attribuzione di incarico a un legale da parte del Comune di Castiglione nei confronti di Vodafone, per chiedere il pagamento di una cifra che supera di poco i 30 mila euro, c’è celata tutta questa vicenda.

Il contratto d’affitto è scaduto ed è iniziata la trattativa per stabilire nuove tariffe. Durante questo periodo l’affitto non è stato però correttamente versato da parte della compagnia, che ha giustificato il proprio comportamento con la necessità di veder prima stabilita la nuova tariffa.

Ma il Comune di Castiglione ha deciso di non abbassare le proprie richieste, che restano pertanto invariate per tutte le compagnie telefoniche. Vodafone, dunque, dovrà versare i mesi di affitto arretrato, e con questo il contenzioso fra Comune e compagnia telefonica sarà risolto.

Per contro Anci, l’associazione comuni, sta provvedendo a regolamentare questa prassi per evitare che si generino nuove situazioni di questo genere ed evitare, allo stesso tempo, tentativi di accaparrassi antenne e affitti.

Nel caso dei Comuni morenici, comunque, lo spostamento delle antenne risulta questione delicata, dato che le colline sono già di per sé, con l’attuale disposizione dei ripetitori, una zona dove il segnale non arriva correttamente.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La festa in centro a Mantova per lo scudetto del Milan

La guida allo shopping del Gruppo Gedi