«Sono alla fame, preferisco il carcere»

L’appello di un quarantenne in attesa di giudizio: mi obbligano a rimanere in casa ma non trovo un lavoro