In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Polizia locale di quattro città a confronto

Terza riunione, lunedì pomeriggio al comando della polizia locale di viale Fiume, per il tavolo per la sicurezza che ha coinvolto i Comuni di Mantova, Brescia, Bergamo e Cremona

Elena Poli
1 minuto di lettura

MANTOVA. Terza riunione, lunedì pomeriggio al comando della polizia locale di viale Fiume, per il tavolo per la sicurezza che ha coinvolto i Comuni di Mantova, Brescia, Bergamo e Cremona. «L'incontro è stato utile per lo scambio di buone prassi e per confrontarci su regolamenti e ordinanze per far fronte a criticità comuni – ha spiegato a conclusione dell'incontro l'assessore alla legalità Iacopo Rebecchi – Gli assessori delle altre province prenderanno esempio dal regolamento dell'accordo che abbiamo stretto con i volontari del Sepris (il servizio di pronto intervento sociale del Comune), che sono stati incaricati degli accertamenti anagrafici a domicilio per permettere ai vigili di quartiere di essere più presenti sul territorio».

Alla riunione hanno partecipato anche il comandante della polizia locale Paolo Perantoni e l'assessore al welfare Andrea Caprini, insieme agli assessori alla sicurezza e ai comandanti di polizia degli altri Comuni coinvolti.

Tra i principali argomenti di discussione toccati durante la riunione, il tema dei vigili di quartiere, i progetti di controllo del vicinato e le ordinanze anti-slot per combattere la ludopatia. «L'incontro si è concluso con la volontà di seguire una linea comune e prendere provvedimenti per incrementare la presenza e il controllo dei vigili nei quartieri - ha aggiunto Rebecchi - Inoltre, tutte le province si sono impegnate nella battaglia anti slot scambiando e confrontando atti amministrativi e normativi per far fronte comune contro il gioco d'azzardo».

I commenti dei lettori