Cantina Gonzaga, si dimette il direttivo dopo il "no" all'unione

Bernini: «La proposta di unione con Carpi è stata bocciata. Ha pesato l’ingerenza di Confagricoltura»

GONZAGA. Il secco “no” dell’assemblea alla fusione della cantina di Gonzaga con quella di Carpi (43 voti contro 19) porta la maggioranza del Comitato di presidenza a rimettere il proprio mandato «in uno spirito di coerenza in ragione del mancato raggiungimento dell’obiettivo fusione che avevamo sostenuto».

L’assemblea che vedrà la nomina del nuovo organismo dirigente è già stata convocata per il 29 luglio. Assieme al presidente Paolo Bernini, escono il vice Fabrizio Garzoni ed i consiglieri Antonio Malagutti e Giovanni Mariotti, che della cantina è anche consulente. Restano in carica, dopo che si erano dimessi anche due precedenti consiglieri (Marco Faroni e Wlller Malagutti), solo tre membri: Roberto Troni e Claudio Mambrini di Gonzaga ed Andrea Nicolini di Reggiolo (Re).

A spiegare l’accaduto lo stesso presidente dimissionario: «La fusione con Carpi era la strada vincente per la nostra cantina – dice Bernini –, nel giro di poco tempo avrebbe rilanciato il proprio prodotto e visto la creazione a Gonzaga di un polo logistico grazie all’accordo con un imbottigliatore, Lebovitz. Purtroppo c’è chi ha remato contro, in primo luogo Confagricoltura, sindacato che ha voluto ingerire in questioni interne della cooperativa. La diffusioni di voci false e incontrollate, come i debiti di Carpi, che in realtà sono investimenti, e la volontà di chiuderci, come già fatto con Poggio, quando invece il progetto nero su bianco prevede il rilancio, hanno suggestionato e condizionato diversi soci che, con il meccanismo delle deleghe hanno ribaltato l’approvazione del progetto della penultima assemblea con lo stop nell’ultima».

Da ricordare che Gonzaga ha debiti per 400mila euro e lavora 30mila quintali di uve per produrre 1 milione di bottiglie; Carpi lavora 450mila quintali e ha un debito 2015 di 25 milioni. Un tentativo di fusione con le cantine di Viadana e Quistello è fallito per il no di quest’ultima.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La carica delle truppe ucraine nella pianura di Kherson

La guida allo shopping del Gruppo Gedi