Lotta agli ambulanti abusivi. Arriva il bando per i patatari

La giunta ha deciso di mettere ordine nel variegato mondo del commercio ambulante

MANTOVA. La giunta ha deciso di mettere ordine nel variegato mondo del commercio ambulante. In particolare, si è intervenuti nei confronti di chi occupa i cosiddetti «posteggi isolati», quelli fuori dal tradizionale mercato del giovedì e da quelli di quartiere e che non richiedono una licenza. Nel mirino sono finiti principalmente i patatari, gli ambulanti con la cucina su quattro ruote fermi, di solito la notte, in vari punti della città per servire panini e bevande ai tiratardi. Però, anche altri «tipi» di ambulanti dovranno fare i conti con il nuovo regolamento, come quelli che vengono prodotti agricoli e fiori.

Tutti, in pratica, probabilmente da prima di Natale, dovranno pagare per l’occupazione di suolo pubblico (oggi possono stazionare gratis ai bordi di strade e piazze cittadine, condizione che favorisce l’abusivismo) e, soprattutto, dovranno occupare un posto prestabilito con un limite d’orario che non sarà più l’ora attuale (mai rispettata).

«Presto faremo un bando pubblico per mettere a gara 11 posti per i patatari e cinque per gli altri ambulanti isolati» annuncia il vice sindaco Giovanni Buvoli al termine della seduta di giunta. Chi si aggiudicherà uno di quei posteggi per due anni potrà esercitare la sua attività senza problemi di sorta, con la certezza di avere sempre la piazzola a disposizione per un determinato numero di ore ogni giorno e senza il rischio di incorrere in qualche sanzione.

«I posti a gara sono più o meno gli stessi di oggi, sia come numero che come posizione - assicura Buvoli - . Ovvio che alla gara potranno partecipare tutti, anche chi adesso non esercita sulla piazza di Mantova». Le varie aree sono state suddivise in due tipologie a seconda dell’orario in cui si potrà esercitare. Di notte, dalle 20 alle 5, potranno essere occupate le piazzole individuate in piazzale Filangeri, (Palabam), via Poggio Reale, viale Mincio (di fronte al varco per piazza Virgiliana), via Gelso (cimitero), piazzale Beccaria al Boma (una nel parcheggio del Brico e l’altra a lato di via Gioia) e in piazzale Bottoli, in strada Circonvallazione sud e a porta Cerese. Di giorno, dalle 7 alle 20, i chioschi a quattro ruote potranno stare a porta Cerese, strada Circonvallazione sud (all’Open space e più avanti), in piazza Filangeri e in viale Mincio (all’altezza del varco per piazza Virgiliana).

«L’unico spostamento - dice Buvoli - riguarda l’ambulante che attualmente staziona con il furgone in viale Mincio vicino al rondò di Mulina, in una posizione pericolosa per la viabilità». E annuncia: «Nel bando, per i posti di giorni a Porta Cerese e al rondò dell’Open space, daremo priorità ai produttori agricoli». (Sa.Mor.)

La guida allo shopping del Gruppo Gedi