In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA

Arrivano le prime nebbie. Le strade non sono pronte

Ancora in corso i piani di rifacimento degli asfalti e della segnaletica. Protestano gli automobilisti: «Strisce invisibili, buche e catrame corroso»

1 minuto di lettura

MANTOVA. Mantova. Ponte di Ognissanti. Nebbia. Già, il muro grigio ha fatto la sua comparsa proprio in questi giorni di alta pressione. Del resto, viviamo a Mantova e la nebbia è come i tortelli di zucca, il salame, prodotto tipico locale. Ogni anno però è una sorpresa, qualcosa che non ti aspetti, che ti prende alla sprovvista. Che prende alla sprovvista soprattutto chi è costretto a spostarsi in auto, magari di sera o di notte.

Sabato sera, domenica mattina, domenica sera, la nebbia è scesa subito fitta, creando non pochi problemi agli automobilisti e ai loro occhi ancora abituati al chiarore dell’estate. Ma in aggiunta alla nebbia, i problemi li hanno creati le strade, non ancora pronte: asfalti pieni di buche, asfalti rifatti ma senza strisce, con le strisce ma sulle buche. Ci sono un po’ tutte le varianti che ci segnalano prontamente gli automobilisti.

Alcuni esempi: sul ponte di Borgoforte le linee bianche sono consunte, in alcuni tratti scarsamente visibili perché stemperate nella trama corrosa del catrame. Passando ad altra zona: sulla provinciale da Casaloldo a Castel Goffredo, il cui manto stradale è stato rifatto di recente, le strisce si interrompono bruscamente, poi, il vuoto; in alcuni punti le linee procedono in modo irregolare, sono storte. Ancora, restando nell’Alto Mantovano: sulla strada che collega Asola a Castelnuovo un rondò con segnaletica orizzontale presente, ha però l’asfalto ricoperto di ghiaia, che ovviamente rende invisibili le strisce.

E poi, scendendo verso l’Hinterland, ex statale 10 Padana Inferiore tra Susano e Castel d’Ario: c’è un bel manto nero appena rifatto, ma ancora non ci sono le strisce, quindi, se possibile, la visibilità sul nero pece è ancora più difficile.

Ovviamente, un rimedio immediato non c’è. La Provincia ha in corso diversi piani asfalti su tutto il territorio provinciale, quindi, con il personale a disposizione non può chiudere le manutenzioni e fare la segnaletica in contemporanea in tutte le zone.

«Abbiamo ben presente la situazione - ci spiega il presidente Beniamino Morselli - All’interno del piano asfalti c’è lo specifico piano segnaletica orizzontale, che comporta anche un impegno consistente. Dico subito che sicuramente non riusciremo ad intervenire in tutta la provincia in tempo per evitare le prime nebbie. E anche dal punto di vista economico è probabile che non ce la faremo in questa tranche di lavori a coprire tutto il terriotorio provinciale, oltre mille chilometri di strada. Certo è che cercheremo di prestare maggiore attenzione nelle zone critiche, quelle più trafficate, cercando di completare al più presto sia asfalti che strisce». (dm)

Puoi inviare le tue segnalazioni all'indirizzo web@gazzettadimantova.it.

I commenti dei lettori