Ridotta la tassa per il plateatico

L’amministrazione comunale da alcuni anni cerca di agevolare il commercio: previsti anche aiuti per rinegoziare l’affitto

CASTEL GOFFREDO. L’amministrazione comunale di Castel Goffredo da alcuni anni cerca di agevolare il commercio in vari modi. Uno di questi, come ha sottolineato lo stesso sindaco Alfredo Posenato, è l’aver dato la possibilità di pagare la tassa di occupazione di suolo pubblico relativa ai plateatici in misura ridotta: quello che un esercente pagava per il solo periodo estivo, ora, con poco di più, può averlo tutto il tempo dell’anno. Altro esempio è l’avere agevolato manifestazioni ed eventi che possono portare un netto contributo alle attività commerciali, dando il patrocinio e non facendo così pagare la tassa di occupazione di suolo pubblico.

Castel Goffredo, a detta di molti, sta diventando un dormitorio. Per ovviare a questo triste destino sono molte le associazioni locali che ci stanno provando. Una di esse è quella dei commercianti che ogni anno organizza alcune manifestazioni, cercando di tener vivo il centro storico valorizzandone il commercio. Ad esempio, lo Shopping Day che quest’anno arriverà alla 31esima edizione, in cui i negozi restano aperti fino a mezzanotte l’antivigilia di Natale, oppure la “Notte Fucsia” e “L’Aperitivo della Moda”, rispettivamente a metà giugno e a metà settembre, creando una forte sinergia fra tutte le associazioni.

Tutte queste iniziative portano un aumento delle vendite e della visibilità, creando un indotto, grazie ai molti cittadini, anche dei paesi limitrofi, che vi partecipano.

Altra azione mirata alla salvaguardia delle attività commerciali castellane da parte dell’amministrazione, in sinergia con l’associazione commercianti, è l’aiuto sia in fase di contrattazione o di ricontrattazione dei canoni di locazione degli immobili destinati al commercio. In alcuni casi, venutisi a creare nel 2016, la mediazione ha portato buoni frutti evitando la chiusura dell’attività commerciale stessa.

«La ricetta magica che può andar bene per tutti non esiste – sottolinea la presidente dei commercianti LuciaGorgaini – ma sono convinta che la passione e la determinazione, unite al percorso che tende ad abbandonare la vecchia e unica idea di far solo soldi, sia vincente. La nostra intenzione rimane quella di promuovere e di salvaguardare ogni singola attività attivando in futuro anche dei percorsi formativi e di affiancamento». Temi come la formazione, già intrapresi dalla parrocchia tramite vari corsi organizzati in sinergia con Noemi Trust, ai quali molti commercianti ed imprenditori hanno aderito. (g.d.)

Video del giorno

"Ho convinto i grandi a installare i pannelli solari e a 11 anni sono alfiere della Repubblica"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi