Scovato a Budapest il registro completo delle sepolture

L'epitaffio di Moshè Zacuto ritrovato e identificato da Mauro Perani

Il lavoro su Mantova dell’editore Rav Shmaya Levi: «Qui ci sono le tombe dei maestri della cultura ebraica»

MANTOVA. Un antico documento che l’editore, rabbino e ricercatore israeliano Rav Shmaya Levi ha scovato a Budapest riporta con esattezza il registro delle sepolture dell’antico cimitero ebraico di Mantova. Il salto indietro nei secoli crea suggestioni straordinarie. Nel documento ritrovato in Ungheria, Rav Shmaya Levi ha avuto la conferma che a Mantova sono seppelliti esponenti importantissimi dell’ebraismo.

La Gazzetta di Mantova aveva raccontato che nell’antico cimitero è seppellito Azariah da Fano (Fano, 1548 - Mantova, 1620) considerato il più eminente cabalista d'Italia. Ora, grazie al ritrovamento del registro completo delle sepolture, la lista dei nomi autorevoli dell’ebraismo seppelliti nel cimitero del Gradaro si allunga.

«Moshè Zacuto, Aviad Basilea, David Finzi, Yehudà Briel - spiega Rav Shmaya Levi - sono seppelliti a Mantova, ora lo sappiamo per certo. Per la nostra comunità questi nomi sono i maestri. Ancora oggi leggiamo e studiamo le loro opere ogni giorno».

Una ricerca sul portale “Rabbini italiani” consente di farsi un’idea del livello delle personalità cui Rav Shmaya Levi si riferisce.

Rabbì Moshè Zacuto (Amsterdam 1625 - Mantova 1697) fu uno dei maggiori cabalisti italiani. Dei suoi molti libri videro la stampa: “Shudà’ De-Dayyanè” (Mantova 1678, sulle regole relative a cause pecuniarie), “Qol ha-Re.Ma.Z.” (Amsterdam 1719, un commento alla Mishnà), “Sh.U-T. ha-Re.Ma.Z.” (Venezia 1761, responsi), “Iggheròt ha-Re.Ma.Z.” (Livorno 1780, un epistolario contenente trentasette lettere di argomento cabalistico).

Rabbì Aviad Basilea fu talmudista, cabalista, filosofo e scienziato. Nacque a Mantova nel 1680, e qui fu allievo di Rabbì Yehudà Briel. A 44 anni si dedicò allo studio della cabala lurianica e compose il libro “Emunàt Chakhamìm”, pubblicato a Mantova nel 1730. Delle sue opere è noto anche un commento al “Toftè ‘Arùkh” di Rabbì Moshè Zacuto. Alcuni suoi responsi sono riportati nel “Pàchad Itzchàk” e nelle opere dei suoi contemporanei Rabbì Moshè Hagiz e Rabbì Ya‘aqòv Emden. Ha lasciato inediti scritti di ingegneria e geometria. Morì nel 1743.

Rabbì David Finzi, mantovano degli inizi del 18° secolo, fu allievo di Rabbì Yehudà Briel nell’ambito biblico, talmudico e normativo, e di Rabbì Moshè Zacuto per la mistica. Fu suocero di Rabbì Moshè Chayìm Luzzatto. I suoi responsi si trovano sparsi in alcune raccolte, quali il “Shémesh Tzedaqà” o il “Divrè Yosèf”.

Rabbì Yehudà Briel (1643 – 1722) fu rabbino a Mantova dove succedette a Rav Moshè Zacuto. Fu una delle personalità più importanti della sua epoca. Parte dei suoi responsi fu pubblicata nelle opere di altri rabbini italiani quali il Pachad Ytzhàk, lo Shemèsh Tzedakà, il Zèrà Emèt ed il Devàr Shemuèl. Tradusse dal latino in ebraico le lettere di Seneca e utilizzò la conoscenza del latino per combattere i libelli antisemiti dell’epoca.

(e.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Mister Corrent dopo l'amichevole con il Sudtirol

La guida allo shopping del Gruppo Gedi