Torna lo spot Tartufone. La firma è di Copiaincolla

L’azienda mantovana si è aggiudicata la campagna dello storico dolce Motta. Tre filoni narrativi: il primo, già sul web, è ambientato in un confessionale

MANTOVA. Rilanciare un prodotto storico della gamma, il Tartufone, affidandosi ad un'agenzia di giovani creativi mantovani. Questa la scelta di Motta, storica azienda dolciaria italiana ormai da anni parte del gruppo Bauli. A curare la campagna pubblicitaria sarà Copiaincolla, agenzia nata nel 2000 con sede in via dei Toscani.

Dopo anni di silenzio sul prodotto, l'azienda milanese e quella veronese hanno indetto una gara per tornare ad accendere i riflettori sul dolce. La richiesta alle agenzie pubblicitarie era quella di dar vita ad una campagna dallo spirito irriverente, giovane, di rottura. A convincere Motta e Bauli è stato “A me piace il Tartufone” di copiaincolla, che ha sbaragliato la nutrita concorrenza.

L'idea, completata e arricchita in un secondo tempo, consiste in una serie di spot basati su tre diversi filoni narrativi. Il primo, ambientato in un confessionale, è già in rotazione sul web, in particolare sui maggiori social network e su Youtube. Fino all'Epifania, inoltre, copiaincolla curerà la fanpage del Tartufone su Fb. A curare il progetto il gruppo di lavoro composto da Brunella Brindani, Diego Guido, Elena Cottignoli, Chiara Ongari e Valeria Civa.

L'azienda mantovana Copiaincolla per rilanciare il Tartufone

«Siamo orgogliosi di aver portato un pezzo di mantovanità in due aziende italiane così importanti, che hanno deciso di presentarsi con le nostre idee a tutti i consumatori da Bolzano a Palermo», il commento della responsabile Brunella Brindani. Questa campagna online è solo l'ultimo successo di un'agenzia che ha collaborato negli anni con aziende importanti. Possono essere annoverati tra i clienti nazionali Pasta del Capitano, Cera di Cupra e Kis, a livello locale Bustaffa, Cleca San Martino, Cotoneve, Samurai e Arix. Un'avventura iniziata nel 1999 in stile Silicon Valley, grazie ai sogni e all'idea di tre ragazzi in una camera.

La prima sede, fino al 2008, a Cittadella, poi il trasferimento in quella attuale di via dei Toscani. Copiaincolla si occupa di comunicazione in toto, non dividendosi tra digitale e offline. Si va dalla cura di siti web alle pagine pubblicitarie fino a campagne strutturate per clienti nazionali. I dipendenti, una ventina, sono tutti mantovani. Età media 27 anni. Il direttivo interno è formato da Sebastiano Furio, Brunella Brindani, Cinzia Barioni, Monica Sabattini, Elena Cottignoli e Silvia Pavesi.

Oltre alla sede mantovana, copiaincolla ha aperto due anni fa un ufficio a Los Angeles e può contare già su alcuni clienti californiani, colpiti dalla creatività del Made in Italy. Punto forte è la politica aziendale. Vengono effettuate solo assunzioni a tempo indeterminato. Nessun contratto precario, in modo da creare un senso di appartenenza e un gruppo coeso. Persone giovani destinate a crescere insieme e a creare stretti legami umani. Assunzioni, quattro solo nell'ultimo anno, che non si sono fermate nemmeno in questi anni di crisi economica mondiale. Parte del fatturato viene dedicata a progetti e richieste dei dipendenti, che possono decidere di comprare nuove attrezzature, organizzare eventi, chiamare esperti con i quali confrontarsi. L'agenzia, inoltre, organizza e finanzia weekend per i dipendenti per due persone nelle maggiori capitali europee. Un modo originale per raccogliere spunti e respirare la creatività delle grandi città. Unico obbligo, caricare su un sito web aperto a tutti, foto, opinioni e pensieri.

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi