Indicazione d’origine per i prodotti del lattiero caseario: il ministro firma il decreto

Il provvedimento prevede l’etichetta su tutti i prodotti. Le novità: indicazione del paese di mungitura e del paese di trasformazione

MANTOVA. Il ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha annunciato di aver siglato un provvedimento che dovrà mettere ordine nel settore dei prodotti lattiero-caseari.

E’ infatti stato firmato dai ministri Maurizio Martina e Carlo Calenda il decreto che introduce in etichetta l'indicazione obbligatoria dell'origine per i prodotti lattiero caseari in Italia.

La firma segue il parere positivo delle Commissioni Agricoltura della Camera e del Senato e l'intesa raggiunta in Conferenza Stato-Regioni.

Con questo nuovo sistema, una vera e propria sperimentazione in Italia, sarà possibile indicare con chiarezza al consumatore la provenienza delle materie prime di molti prodotti come il latte Uht, il burro, lo yogurt, la mozzarella, i formaggi ed i latticini. Il provvedimento si applica al latte vaccino, ovi-caprino, bufalino e di altra origine animale.

Le novità del decreto. Il decreto firmato dal governo prevede che il latte o i suoi derivati dovranno avere obbligatoriamente indicata l'origine della materia prima in etichetta in maniera chiara, visibile e facilmente leggibile.

Le diciture utilizzate saranno le seguenti: "Paese di mungitura: nome del Paese nel quale è stato munto il latte"; "Paese di condizionamento o trasformazione: nome del Paese in cui il prodotto è stato condizionato o trasformato il latte".

«Qualora il latte o il latte utilizzato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari, sia stato munto, confezionato e trasformato, nello stesso Paese - si legge in una nota del ministero che spiega l’intervento - l'indicazione di origine può essere assolta con l'utilizzo di una sola dicitura: ad esempio Origine del latte: Italia».

Se le fasi di confezionamento e trasformazione avvengono nel territorio di più Paesi, diversi dall'Italia, possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: latte di Paesi Ue: se la mungitura avviene in uno o più Paesi europei; latte condizionato o trasformato in Paesi Ue: se queste fasi avvengono in uno o più Paesi europei.

Se le operazioni avvengono al di fuori dell'Unione europea, verrà usata la dicitura "Paesi non Ue".

Sono esclusi solo i prodotti Dop e Igp che hanno già disciplinari relativi anche all'origine e il latte fresco già tracciato.

La novità ministeriale rappresenta, almeno in linea teorica, un importante passo avanti verso quella chiarezza nei confronti dei consumatori che è da tutti considerata come la strada maestra per valorizzare i prodotti fatti in Italia.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La carica delle truppe ucraine nella pianura di Kherson

La guida allo shopping del Gruppo Gedi