In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Borgo Virgilio, un cittadino su 10 in grave difficoltà

In 1.655 si sono rivolti agli sportelli dei servizi sociali. Più della metà delle richieste da famiglie con minori

di Matteo Sbarbada
1 minuto di lettura
Il vice sindaco Giancarlo Froni 

BORGO VIRGILIO. Nel 2016 sono stati 1.655 i cittadini di Borgo Virgilio che si sono presentati agli sportelli dei servizi sociali del Comune. Il 74,1% sono cittadini italiani. I dati del monitoraggio parlano chiaro e disegnano un quadro delicato della situazione di molte famiglie che vivono sul territorio. Il 60% delle richieste è stato inoltrato da famiglie con minori. A seguire anziani e disabili. Per il 51% si tratta di richieste di aiuti economici, percentuali minori per problematiche legate alla casa e alla non autosufficienza.

Per affrontare il problema il vice sindaco Giancarlo Froni ha sottoscritto con le organizzazioni sindacali e dei pensionati un protocollo d’intesa relativo al bilancio di previsione 2017 che sarà esaminato a breve dal consiglio comunale di Borgo Virgilio.

I contenuti del bilancio di previsione 2017-2019 del Comune assicurano il 38% della spesa corrente ai servizi di istruzione, politiche giovanili, sport e tempo libero, politiche sociali e famiglia. Confermato per il 2017 uno stanziamento di bilancio a favore dei cittadini in difficoltà economica pari a 35.000. La stessa cifra del 2016, quando vennero erogati 63 contributi. Questa cifra copre gli interventi di estrema emergenza, come funerali, urgenze sanitarie o taglio delle utenze. La spesa totale del Comune per il welfare supera, invece, il milione di euro. Tra i punti principali le politiche abitative. Con una spesa di 56.000 euro, il Comune ha recuperato sei alloggi di una palazzina di Borgoforte. I lavori sono terminati prima di Natale e gli appartamenti verranno assegnati a breve. Chiuso il bando, per il quale hanno presentato domanda 67 famiglie.

Dalla Regione sono arrivati 160.000 euro per la morosità incolpevole. Con i fondi è stato istituito un “Tavolo di consultazione per le misure a sostegno degli inquilini morosi incolpevoli nel libero mercato” ed una Commissione morosità incolpevole. Per quanto riguarda i servizi rivolti alle persone anziane, sono 79 gli utenti del servizio di assistenza domiciliare. Il servizio pasti è attivo per 27 persone, il telesoccorso ne coinvolge 23.

Il protocollo d’intesa, oltre alle politiche sociali e abitative, tocca il tema della fiscalità locale. Il Comune ha siglato un accordo con l’Agenzia delle Entrate per combattere l’evasione dei tributi comunali. Previsto un recupero di 185.000 euro per ogni anno del triennio 2017-2019.

I commenti dei lettori