Problemi a scuola? A Mantova nasce lo sportello per i genitori

Iniziativa del Fopags: daremo informazioni utili alle famiglie. La referente: mai avere paura delle incomprensioni coi prof

MANTOVA. Incomprensioni con gli insegnanti dei vostri figli? Regolamenti scolastici poco comprensibili? Vi chiedete se siete proprio obbligati a comprare una divisa scolastica per quando vostro figlio fa ginnastica? O se dovete per forza comprare la stampante per il computer perché l’insegnante richiede compiti fatti al pc e non li accetta in versione digitale?

Sono i problemi e i dubbi che assalgono, se non proprio quotidianamente, con una certa frequenza i genitori di ragazze e ragazzi che frequentano le scuole. E non sempre è facile ottenere risposte chiare. Per questo il Fopags, vale a dire il Forum delle associazioni delle famiglie con figli in età scolare, ha deciso di aprire in città uno “Sportello genitori”.

«L’idea è di aprire un punto di ascolto e consultazione per i genitori alle prese con dubbi o problemi veri e propri nell’ambito scolastico - spiega la presidente di Fopags Mantova , Federica Bignardi - Ovviamente il compito dello sportello non sarà di risolvere questi problema, ma piuttosto di fornire ai genitori delle informazioni sulla normativa e indicando a quali istituzioni o enti rivolgersi e in che modo. Insomma, lo sportello fornirà un supporto per orientarsi e sapere come muoversi. I rapporti famiglia- scuola non sempre sono semplici ed è necessario conoscere le regole».

L’annuncio del progetto sportello è stato fatto nel corso dell’incontro formativo organizzato da Fopags in collaborazione con Ufficio scolastico provinciale (l’ex provveditorato agli studi), Consulta degli studenti e Provincia , dedicato ai rapporti famiglie-scuola. L’incontro faceva parte di una serie di sedute rivolte ai presidenti dei consiglio d’istituto e ai rappresentanti dei genitori nelle scuole. C’era anche il referente di Fopags Lombardia, Giusi Scordo, che ha apprezzato l’iniziativa formativa tenutasi a Mantova.

«Diverrà un progetto pilota che porteremo anche a Milano e a Bergamo - ha detto Scordo - Bisogna abbattere i pregiudizi tra scuola e famiglia. Se nascono incomprensioni, non dobbiamo avere timore di portare avanti, nei nostri ruoli specifici, quello che è il bene degli alunni, dei nostri figli, ma abbiamo una normativa che ci accompagna».

Lo sportello genitori si baserà soprattutto sulle prestazioni di volontari genitori. «Stiamo per trovare una sede dove allestire lo sportello - spiega Bignardi - dobbiamo ancora stabilire orari e giorni di apertura. ma il progetto è a buon punto». L'11 Febbraio si terrà l'incontro dedicato alla lettura del bilancio nelle scuole rivolto ai presidenti dei consigli d’istituto e alla componente genitori. Le conferme si inviano a : fopagsmantova@gmail.com

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il matrimonio di Paola Turci e Francesca Pascale: l'arrivo a Montalcino

La guida allo shopping del Gruppo Gedi