Suicida a 22 anni perché non trova lavoro

Per mesi ha fatto inutilmente la spola nelle agenzie. Prima della tragedia a colazione con la ragazza

MANTOVA. Stava cercando un lavoro da mesi. Uno qualsiasi, pur di non stare con le mani in mano. Ma nel suo lungo e angosciante peregrinare tra un’agenzia e l’altra, e tra promesse mai mantenute, si è sempre ritrovato al punto di partenza. E non è bastato il sostegno che la sua ragazza e la famiglia di lei non gli hanno mai fatto mancare. Il tempo ha annientato il suo sogno, i suoi progetti futuri e con essi anche la voglia di vivere.

Ed è così che a soli ventidue anni si è ucciso impiccandosi con una corda alla ringhiera di una scala. La disperazione gli ha ucciso la speranza. Ma ventidue anni sono troppo pochi per gettare la spugna. L’intera comunità in cui ha vissuto è sotto choc. Disperata la sua ragazza che aveva già notato in lui qualcosa di strano. Un terribile presentimento l’aveva fatta correre a casa con il cuore in gola. Troppo tardi.

L’ispezione cadaverica al Poma ha confermato la causa del decesso: asfissia.

La tragedia si è consumata sabato mattina. I due giovani si svegliano e decidono di raggiungere il negozio di lei per fare colazione insieme. Il 22enne sembra tranquillo ma non è così. La stranezza del suo comportamento viene subito notata dalla ragazza. Un disagio, il suo, che da qualche tempo non riesce a nascondere. Il problema è uno soltanto: il lavoro. Il lavoro che da mesi cerca disperatamente ma che non arriva.

Il lavoro che farebbe di lui un uomo felice con la ragazza che ama. Ma i continui “no”, i continui “ripassi più avanti”, i deprimenti “le faremo sapere” incidono sulla sua autostima e sprofonda a poco a poco nell’incubo di una depressione dalla quale non riuscirà più a risalire. Tutto questo non è sfuggito alla ragazza attenta ad ogni suo più piccolo cambiamento.

E così quando sabato mattina, dopo aver fatto colazione insieme, decide di tornare a casa, lei ha un terribile presentimento. La preoccupazione è talmente forte che chiede alla madre di prendere il suo posto in negozio. Corre verso casa con quell’oscuro sensazione. Apre la porta con il cuore in gola. E lui è lì, dove ha scelto di morire. Sopraffatto dall’umiliazione di non aver trovato quel lavoro che tanto desiderava. Del caso si sono occupati anche i carabinieri. (gol)

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

La guida allo shopping del Gruppo Gedi