Un cocktail da sballo, salvato dagli amici al telefono col 118

Un 53enne di Mantova in overdose per un cocktail di droghe micidiale è stato salvato dagli amici e dai sanitari del 118. Era in coma. 

MANTOVA. Un cocktail micidiale, un mix di benzodiazepine, eroina e cocaina che ha rischiato di ucciderlo.
Il 53enne che la notte scorsa ha davvero rischiato grosso per un maxi sballo deve la vita alle persone che erano con lui in quel momento e che seguendo le indicazioni fornite al telefono da parte degli specialisti del 118 sono riusciti a rianimarlo fino all’arrivo dei soccorsi sanitari. L’allarme alla centrale operativa del 118 è arrivato poco prima delle 3 di notte.

«Un nostro amico sta molto male, che che cosa dobbiamo fare?» è stata l’accorata richiesta di aiuto. I sanitari al di là del filo hanno chiesto subito che cosa fosse successo e i presenti hanno dovuto dire la verità. Il 53enne era in evidente overdose da eroina e cocaina e, come se non bastasse, poco prima aveva anche ingerito dei tranquillanti. L’uomo era in arresto respiratorio e dal 118 sono arrivati i consigli pratici che hanno permesso di salvargli la vita. Quando nell’abitazione del 53enne è arrivata l’automedica e una pattuglia della polizia, l’uomo era ancora in arresto respiratorio ma le manovre messe in atto dagli amici gli hanno consentito di restare in vita.

All’arrivo al pronto soccorso del Carlo Poma era ancora in coma e i medici in servizio hanno subito applicato il protocollo necessario in questi casi, con una massiccia terapia inibitoria sugli effetti dello stupefacente.
Per fortuna i farmaci hanno fatto il loro effetto e poco dopo c’è stato il risveglio. Il 53enne, che vive in città, se n’è andato sulle sue gambe all’alba dopo aver firmato l’auto dimissione nonostante il parere contrario dei medici che avevano consigliato ancora qualche ora di osservazione.
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il mantovano Affini dopo la prima parte del Giro d'Italia: «E manca la parte più tosta»

La guida allo shopping del Gruppo Gedi