Francesca esce dalla rianimazione

Francesca Cadioli, 33 anni

La giovane madre di 33 anni accoltellata dall'ex convivente è stata trasferita in neurologia

MANTOVA. Ci sarebbero i primi timidi segnali di ripresa nelle condizioni di Francesca Cadioli, la madre di 33 anni accoltellata la sera dell’8 marzo dall’ex convivente e rimasta in stato di coma farmacologico per quasi due settimane. I sanitari del reparto di terapia intensiva l'hanno assistita nei delicatissimi istanti subito dopo l'aggressione e nei giorni successivi compiendo ogni sforzo per salvarle la vita.

Sabato scorso la decisione trasferirla dal reparto di rianimazione a quello di neurologia dove continueranno le terapie. L’accoltellatore, Konstantin Kossivtsov, 38 anni, muratore di origine russa, anche lui ricoverato al Poma per le ferite autoinflitte dopo l’aggressione all’ex compagna, si trova dalla scorsa settimana in carcere, accusato di tentato omicidio premeditato aggravato dalla presenza della figlia di due anni.

Video del giorno

La Gazzetta in campo - La pallavolo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi