Il mondo che s’indigna è lo stesso dei muri per bloccare i profughi 

Da sei anni scorre il sangue nell’indifferenza generale. Dalla lettura della Gazzetta di Mantova è nata una poesia