Consigli anti-truffa, lezione della polizia a Colle Aperto

I partecipanti all'incontro a Colle Aperto

I consigli della questura per evitare di entrare in contatto con persone sconosciute

MANTOVA. Evitare di entrare in contatto con persone sconosciute e non isolarsi in quanto se si è soli si diventa più facilmente "preda del branco". Questo è il consiglio dato da Luca Zardi e Livio Zucchet, rispettivamente ispettore capo e sovrintendente capo della Polizia Postale di Mantova, durante l'incontro " truffe agli anziani: le riconosco, le evito, le denuncio" organizzato dalla Questura di Mantova nella sede dell'associazione "Centro aperto" di via Calamandrei, a cui hanno partecipato gli abitanti dei quartieri di Colle Aperto, Cittadella, Ponte Rosso, Gambarara e Rabin. Durante l'assemblea Zardi e Zucchet hanno illustrato il vademecum emesso dalla Questura per prevenire le truffe.

«Il truffatore è uno sconosciuto ben vestito, affabile, esperto in affari, incaricato di riscuotere, sovente accompagnato, e prende di mira le persone sole che spesso vogliono solamente scambiare qualche parola – spiegano Zardi e Zucchet – Bisogna sempre ricordare che nessun ente o azienda di pubblica utilità manda personale a casa vostra per farvi pagare le bollette o darvi dei rimborsi, che nessuna forma di pagamento o riscossione avviene tramite un servizio a domicilio, che è meglio non tenere in casa grosse somme di denaro, gioielli o oggetti di valore. In casa la luce accesa ed i rumori domestici servono a tener lontani i ladri, meglio avere la porta blindata e inferriate sempre chiuse, svuotare periodicamente la cassetta della posta, e in caso di partenza, farla svuotare da persone fidate. Se si presenta uno sconosciuto alla porta verificare chi lo manda, il motivo della visita, richiedere documenti o tesserini, controllare dallo spioncino e, nel caso, chiamare conoscenti, vicini, il 112 o il numero 800505454 (polizia locale) o scaricare l'applicazione "where are you". Per strada - aggiungono i due poliziotti – evitare zone isolate e buie, non fidarsi degli sconosciuti anche se gentili, mantenere alta l’attenzione e nella zone affollate chiudere la borsa e abbottonare le tasche, mostrarsi sicuri, mantenere la calma e cercare di memorizzare ogni elemento utile da riferire alle forze dell’ordine".
Luca Scattolini

Video del giorno

Lady Diana, all'asta la Ford Escort del 1981 che le regalò il principe Carlo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi