In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

La lunga crisi dei bovini, alleanza a quattro per il rilancio

Nasce l’Organizzazione interprofessionale tra Confagri, Cia, Uniceb e Assocarni. La chiamata della Stancari: «Adesso tutte le associazioni si uniscano a noi»

1 minuto di lettura

MANTOVA. Il settore della carne bovina non naviga in acque tranquille e le associazioni dei produttori provano a giocare di rimessa. Confagricoltura, assieme a Cia, Uniceb (Unione esportatori industriali) e Assocarni, ha costituito ufficialmente l’Organizzazione Interprofessionale della carne bovina italiana.

Gli obiettivi sono delineare una strategia nazionale condivisa, facilitare le relazioni economiche tra i diversi attori della filiera, favorire la creazione di valore e la sua equa distribuzione, svolgere azioni di trasparenza sui mercati e promuovere i consumi interni ed esterni: «Come settore – ha detto Elide Stancari, presidente nazionale e provinciale della federazione di prodotto allevamenti bovini di Confagricoltura – abbiamo attraversato momenti di grande crisi, uno dei quali era rappresentato dall’immissione sui mercati di carne estera a basso costo. La produzione ne ha risentito nettamente, vi era perciò la necessità di affrontare queste problematiche, sedersi attorno a un tavolo e ragionare assieme su cosa fare. Puntiamo sicuramente molto sulla ricerca, per fornire ai consumatori ciò che cercano. Lo scopo dell’Oi è quello di lavorare in maniera compatta, per presentare politiche di settore unitarie».

Qualche numero per comprendere il momento è necessario: gli allevamenti sono in forte calo, passati dai 2.900 del 2000, con un totale di 340mila capi, ai meno di 700 di oggi, con una mandria che non supera i 250mila capi.

La percentuale di aziende chiuse ha toccato il 76%: «La nostra provincia è toccata in pieno dal momento di crisi del settore – prosegue la Stancari – ed ecco che la creazione di questo tavolo interprofessionale non potrà che giovare al comparto. Ci tengo a sottolineare che il tavolo è aperto a tutti ed è importante che tutte le associazioni vi prendano parte».(dad)
 

I commenti dei lettori