Lista dei Fasci, si muove l’Unione comunità ebraiche

La presidente Noemi Di Segni ringrazia la Boldrini per la posizione assunta. E la deputata mantovana Giovanna Martelli sollecita il ministro a prendere provvedimenti sulla lista

Fascio littorio alle Comunali, il caso in Parlamento

SERMIDE E FELONICA. «Carissima Presidente Boldrini, desidero esprimerti tutto il nostro più forte apprezzamento per la posizione risoluta e forte che hai tenuto ed espresso riguardo a quanto avvenuto nel Comune di Sermide e Felonica con riferimento alle procedure a all’esito dell’ultima tornata elettorale». È quanto ha scritto la presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane, Noemi Di Segni, in un messaggio inviato alla presidente della Camera Laura Boldrini, in riferimento alle polemiche nate sulla presentazione della lista Fasci del Lavoro alle Comunali (candidata Fiamma Negrini).



E ancora: «Le istituzioni e le persone che le guidano non sono tutte uguali e si distinguono proprio in queste circostanze, sempre più frequenti, in cui si è chiamati a riaffermare ad alta voce valori sempre più affievoliti nelle menti e nei cuori. Valori senza i quali non potremmo essere più cittadini liberi e consapevoli. Anche l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane si è attivata con apposita richiesta di intervento rivolta al ministro Minniti per porre ogni utile rimedio a quanto visto e a quanto rischiamo di poter vedere qualora la vicenda proseguirà nel suo assetto attuale».



Intanto sulla stessa vicenda anche la deputata mantovana Giovanna Martelli del Gruppo “Democratici e Progressisti", è cofirmataria di un’interrogazione urgente al ministero dell’Interno, Marco Minniti: «Si chiede al Ministro dell’Interno quali iniziative intende adottare per verificare se l’associazione "Fasci Italiani del Lavoro" è nelle condizioni giuridiche per proseguire la sua attività sul territorio, tenuto conto del palese contrasto con la norma vigente che vieta, sotto qualsiasi forma, la riorganizzazione del partito fascista».

Attesa anche per le decisioni che il gruppo La Svolta, la lista di moderati ( che aveva come candidato sindaco Annamaria Martini), che ieri sera si è riunita per valutare l’opportunità di promuovere un ricorso che potrebbe portare anche all’annullamento dell’esito elettorale.
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Operazione bomba sul Po: l'evacuazione questa mattina a Motteggiana e Borgoforte

La guida allo shopping del Gruppo Gedi