Restauro mantovano per i bolidi d’epoca dei ricchi del mondo 

La carrozzeria Scartapatti leader nelle riparazioni storiche. Auto di lusso da Emirati Arabi, Belgio, Germania e Francia 

MANTOVA. Professionalità, cura dei dettagli, attenzione ai bisogni del cliente e tanta passione per le quattro ruote. Sono questi gli ingredienti principali che, negli ultimi anni, hanno fatto della Carrozzeria Scartapatti di San Giorgio una delle aziende leader nel settore del restauro di auto d’epoca e di lusso. Attiva sul mercato italiano e internazionale, la Scartapatti snc. vanta oggi clienti prestigiosi provenienti da tutto il mondo, dall’Europa agli Emirati arabi, oltre che premi e riconoscimenti nei più importanti concorsi e fiere del settore.

Mantovani i restauratori dei bolidi d'epoca dei ricchi del mondo



L’azienda nasce nel 1957 quando Giuseppe Scartapatti decide di aprire la propria attività in un piccolo locale del centro di Mantova. I figli, Alessandro e Lorenzo, vengono presto contagiati dalla passione per i motori e già a 15 anni cominciano a lavorare a fianco del padre orientando le loro preferenze: Alessandro predilige la verniciatura, Lorenzo invece, l’assemblaggio e la riparazione. Negli anni ‘80 i due fratelli si trasferiscono nella nuova struttura i viale Italia a San Giorgio, dove iniziano a occuparsi della riparazione di autovetture attuali per dedicarsi in seguito anche alle auto d’epoca di alta gamma.

Oggi la carrozzeria si è ampliata, ha 10 dipendenti e si occupa soprattutto del restauro di Ferrari, Porsche, Mercedes e Maserati, ma anche Lancia, Lamborgini e De Tomaso. «Il restauro è diventato la nostra attività principale - spiega Lorenzo -. Da circa dieci anni abbiamo deciso di puntare sulle vetture storiche perché la riparazione di auto comuni era entrata in crisi». Ma ci vuole anche tanta passione: dietro ad ogni restauro ci sono centinaia di ore di lavoro e un’organizzazione accurata di ogni fase. «Un intervento di restauro può durare anche più di un anno - aggiunge Alessandro -. Oltre ai servizi di verniciatura e lattoneria, ci affidiamo alla professionalità di artigiani e partner altamente specializzati, che si occupano della revisione del motore, dell’impianto elettrico, di interni e cromature e della ricostruzione di parti mancanti o danneggiate non più reperibili. Inoltre, abbiamo investito nell’acquisto di libri e documentazione storica per poter riportare le vetture allo stato originale curando anche i minimi dettagli».

Dopo il restauro le auto ottengono la certificazione dalle case madri e molte vengono esposte negli stand delle case automobilistiche o in occasione di fiere e concorsi nazionali e internazionali, come la Techno-Classica di Essen o lo Zoute Gran Prix di Knokke, in Belgio. Uno degli appuntamenti fissi è la Fiera di auto e moto d’epoca di Padova, l’evento italiano più importante per gli appassionati di motori. A novembre 2016, inoltre, la Scartapatti ha partecipato al salone Interclassica di Bruxelles, dove la Maserati Ghibli 4.9 SS del 1972, restaurata per la Scuderia Sportiva Colonia, ha vinto il primo premio come miglior restauro. Frequente anche la presenza a competizioni come il Gran Premio Nuvolari, il Bavaria Tour by BMW Classic e la Mille Miglia. Tra le auto che al momento aspettano di essere messe a nuovo: una Ferrari 330 GTC del 1968 blu notte (colore voluto da Enzo Ferrari per riprodurre il colore dell’inchiostro della sua stilografica), unico esemplare rimasto su tre prodotte; una Porsche 959 Confort del 1987, vettura creata in soli duecento esemplari; una Maserati Quattroporte prima serie; una Lancia Appia Sport Zagato, auto da corsa molto rara ; una Mercedes 600 Pullman proveniente dal Kuwait e una Ferrari 512 BB di un cliente francese.

«La prima vettura che abbiamo restaurato, una Mercedes Pagoda blu con interni beige, è stata esposta da Mercedes Classic in alcune fiere e manifestazioni - aggiunge Alessandro -. Oggi i nostri committenti provengono da Italia, Belgio, Francia, Germania e Emirati Arabi».

Il presidente di Confartigianato, Lorenzo Capelli si dice orgoglioso di poter annoverare la carrozzeria Scartapatti tra le imprese associate: «L’attività rappresenta una vera eccellenza artigiana del nostro territorio e, grazie alla maestria e alla professionalità che la contraddistinguono, è riuscita a conquistarsi nel corso degli anni un posto di rilievo nel settore. Proprio questo aspetto costituisce il cuore della filosofia di Confartigianato: far crescere l’impresa assecondando le sua vocazione all’innovazione e all'apertura sullo scenario internazionale».

Elena Poli
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Metropolis/6, Molinari: "Se Salvini si fa kingmaker perdiamo stabilità dell'ultimo anno"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi