Harley Davidson, motori e solidarietà: il Mantova Chapter Italy

Il presidente Angelo Bianchini racconta i bikers mantovani: "Dai raduni agli aiuti ai terremotati. Abbiamo organizzato anche eventi benefici a favore della Casa del Sole"

MANTOVA. Buona parte della letteratura cinematografica le dipinge come bande dedite a una vita nomade e condotta al limite della legalità. Bande rumorose, rozze e contraddistinte esclusivamente da tatuaggi, giubbini di pelle e lunghe barbe. La realtà invece, almeno se la si rapporta al panorama italiano, è ben diversa: i gruppi che fanno delle motociclette custom la loro passione hanno poco a che fare con quell’immaginario così estremo, anzi. Oltre al divertimento dato dal guidare queste due ruote particolari, c’è anche la ferma convinzione di perseguire obiettivi benefici e dedicati al sociale.

Angelo Bianchini


A spiegarcelo è Angelo Bianchini, presidente di Mantova Chapter Italy, gruppo ufficiale di appassionati possessori di motociclette Harley Davidson. Ufficiale perché si tratta dell’emanazione locale dell’Harley Owners Group (HOG), l’organizzazione che riunisce, facendo capo direttamente alla case madre di Milwaukee, tutti i proprietari delle moto del marchio a stelle e strisce.

Qualcosa di più di un semplice brand quello dell’Harley: possederne una significa fare parte di una grande comunità di appassionati di motori, che non considerano il loro mezzo come un semplice oggetto, ma qualcosa di più, un emblema del proprio essere, rappresentato tramite molteplici forme di personalizzazione. Si tratta del cosiddetto custom, ovvero far propria con delle modifiche ad hoc la motocicletta: colorazioni ardite quasi a diventare forme d’arte, parti speciali, ricambi cromati e scintillanti e, non ultimo, il classico abbigliamento con giubbotti di pelle e loghi ad identificare l’eventuale chapter di appartenenza.

Mantova Chapter Italy davanti a San Pietro a Roma

«Il gruppo mantovano - racconta Bianchini - nasce grazie alla presenza del concessionario ufficiale di Roncoferraro. Il Mantova Chapter Italy aderisce a uno statuto diffuso a livello mondiale, che detta le linee guida in relazione alle attività che ogni singolo gruppo può o deve svolgere. L’intento principale è quello di promuovere l’attività motociclistica marchiata Harley, dai raduni locali a quelli nazionali e internazionali. Poi è necessario distinguersi in attività meritorie a livello sociale su base volontaristica.

È vero che spesso siamo visti come personaggi rumorosi, pittoreschi e goliardici e in effetti il nostro modo di essere è anche quello - spiega Bianchini - ma di pari passo c’è anche la volontà di avere una valenza sociale e, nelle nostre possibilità, fare del bene». Questo si traduce con iniziative lodevoli, condotte in collaborazione con alcune associazioni della zona.



«Abbiamo organizzato diversi eventi benefici con la Casa del Sole e altre associazioni no profit del territorio. In più ci siamo adoperati per fornire il nostro sostegno ad alcune situazioni di emergenza venutesi a creare nel Paese, prodigandoci per far pervenire aiuti dopo il vicino sisma dell’Emilia, per cui ci siamo fatti promotori di una raccolta fondi arrivata fino a 60mila euro, ma anche per quello più recente che ha colpito il Centro Italia». Poi ovviamente c’è il piacere di guidare per chilometri e chilometri queste moto non comuni, generose nei cavalli e nelle forme, lanciandosi in lunghe avventure da condividere con chi ha la stessa passione.

Stati Uniti: il raduno delle Harley

«Se devo menzionare due viaggi che abbiamo organizzato come chapter - ricorda Bianchini - ci metterei sicuramente quello che ci ha portato sino a San Pietroburgo: da Mantova alla città russa andata e ritorno in un tour di quindici giorni. E poi, per il significato che riveste, l’aver percorso il cammino di Santiago de Compostela: è stata una bellissima esperienza che ha richiesto anche un grande sforzo organizzativo, condotto prendendo accordi con le locali autorità spagnole. Ormai siamo un gruppo affiatato e si sono formate delle amicizie che vanno al di là delle iniziative e dell’operato del chapter». Per entrare a far parte del Mantova Chapter Italy, attualmente composto da una sessantina di bikers, mantovani e non solo, occorre innanzitutto essere iscritti all’Harley Owners Group: requisito fondamentale è quello di essere possessori di un’Harley Davidson.

Show a Roma: le Harley sfilano in centro



Il direttivo di Mantova Chapter Italy ha sede a Roncoferraro in via Rodoni 67 ed è a disposizione dei bikers associati per facilitarne la partecipazione, fornendo supporto logistico e organizzativo, a tutti gli eventi ufficiali Harley. Inoltre si dedica in prima persona all’organizzazione di gite nella zona, capaci di riscuotere grande partecipazione.

Il “Run de la Stua” in programma domani, ad esempio, è già sold out da parecchi giorni. Tutte le iniziative del Mantova Chapter Italy sono visualizzabili sulla pagina Facebook dedicata.

La Notte bianca a Mantova 3)

 

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Italian Tech Week 2022, a Torino le idee che migliorano il futuro

La guida allo shopping del Gruppo Gedi