Corso di agroalimentare a Mantova: mobilitate le aziende

l provveditore Patrizia Graziani rilancia il progetto di un corso post diploma sull’agroalimentare

Il provveditore rilancia il progetto in attesa della decisione sul bando regionale. «Molte imprese hanno dato la disponibilità ad ospitare gli studenti»

MANTOVA. «Un’opportunità che il nostro territorio non può assolutamente lasciarsi sfuggire e al tempo stesso una scelta che può dare ai ragazzi una garanzia di serenità dal punto di vista lavorativo». Così il provveditore agli studi di Mantova Patrizia Graziani, si esprime in merito al nuovo corso post diploma di alta specializzazione Its (Istituto tecnico superiore) a indirizzo agroalimentare sostenibile che ha partecipato a un bando regionale chiuso lo scorso 26 giugno e che aspetta solamente la pronuncia del Pirellone nei prossimi giorni.

Secondo Graziani: «Il sostegno del territorio mantovano non è mancato assolutamente. Molte aziende, tra le 36 e le 46, hanno già dato la loro disponibilità ad ospitare gli studenti del corso per uno stage e chi si diplomerà può scegliere in quale azienda del nostro territorio potrà lavorare e il comune di Mantova, come fondatore e promotore, ha già approvato l'iniziativa con un ordine del giorno votato all'unanimità. Non è una scelta di serie B ma un qualcosa che può dare un sicuro sbocco professionale per molti ragazzi».


Questo perché «l'agricoltura rappresenta un settore in crescita dal punto di vista dell’occupazione e al corso possono prendere parte i ragazzi dai 19 ai 29 anni con diploma di qualsiasi istituto o liceo, o già laureati. A Bergamo e anche in alte realtà lombarde questa iniziativa è già avviata da tempo; per partire servono almeno 20 iscritti anche se il numero ideale è di 24-25. La speranza è che il corso sia attivo entro la fine dell'estate in concomitanza con le diverse iniziative nel mantovano, prima fra tutte la fiera millenaria di Gonzaga; le lezioni si terranno all'agrario nella sede della bigattera, nella camera di commercio di Largo Pradella (MaMu) e alla foresta della Carpaneta a Stradella di Bigarello».

A fare il punto della situazione del corso erano presenti anche il vicepresidente della camera di commercio e presidente della fondazione del corso Fabio Paloschi, il direttore del corso Vincenzo Dalai, il coordinatore scientifico Maurizio Castelli e il dirigente scolastico del "Palidano Strozzi" Massimo Pantiglioni, i quali hanno invitato i ragazzi a preisciversi al più presto contattando il provveditorato al numero 0376227207 o all'indirizzo di posta elettronica usp.mn@istruzione.it.

Ad oggi, sottolinea Dalai, «La fondazione ha ricevuto l'adesione di 26 tra enti, aziende, istituzioni e associazioni; l'ultima che ha aderito è stata Agire (Agenzia gestione intelligente risorse energetiche della provincia)».

Per l'ex assessore provinciale Castelli questo nuovo corso in materia di specializzazione rappresenta «un’idea di scuola diversa in quanto molte ore si passano all'interno delle aziende, che hanno capito di quali professionalità hanno bisogno».

Luca Scattolini
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi