In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

L’ex Ceramica diventerà una scuola superiore

Mantova hub, la riqualificazione della periferia est della città, da Fiera Catena a San Nicolò, è ancora nella fase di progettazione. Quella definitiva è già sul tavolo della presidenza del consiglio

1 minuto di lettura

MANTOVA. Mantova hub, la riqualificazione della periferia est della città, da Fiera Catena a San Nicolò, è ancora nella fase di progettazione. Quella definitiva è già sul tavolo della presidenza del consiglio dei ministri dallo scorso primo luglio, mentre quella esecutiva lo dovrà essere entro il 3 ottobre (salvo proroghe).

Lo studio genovese D’Appollonia, che ha vinto l’appalto per la progettazione, e ora ha cambiato denominazione in Rina consulting, sta lavorando alacremente. «Se non ci saranno intoppi, entro il 2017-inizio 2018 si farà la gara d’appalto per la realizzazione delle opere – dice l’assessore all’urbanistica e all’ambiente Andrea Murari, responsabile del progetto Mantova hub – nel 2018 si realizzeranno le opere».

Tre i lotti in cui è stata suddivisa l’operazione: piazza del pensiero (la ristrutturazione dell’ex Ceramica a Fiera Catena e la sua trasformazione in scuola, la sede dell’istituto Mantegna per 900 studenti); piazza della terra (l’area di San Nicolò con i cinque capannoni che ospiteranno un centro ricerche sulle piante, un ostello, una comunità per disabili, un mercato coperto dell’agroalimentare e spazi per uffici di coop e associazioni oltre alla casa della memoria e a una serra a sfera); e piazza del paesaggio (nuovi campi da calcio in Valletta Valsecchi, con i vecchi che faranno posto al bosco didattico, l’unica parte non progettata da Rina consulting).

L’investimento pubblico sarà di oltre 27 milioni di euro (limitatamente alla nuova scuola ma non al suo ampliamento, alla ristrutturazione del capannone per il centro ricerche e al consolidamento degli altri, ai nuovi campi da calcio) a cui vanno aggiunti quelli privati. Esiste poi un quarto lotto, la piazza dell’acqua, che riguarda il recupero di Porto Catena, per ora in stand-by in attesa di finanziamenti.
 

I commenti dei lettori