In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Ancora risse e feriti. Due quartieri a rischio ma telecamere guaste

Castiglione. Gli impianti non funzionano da sette anni. Il vicesindaco Dara: siamo pronti a installarne di nuove

di Giancarlo Oliani
1 minuto di lettura

CASTIGLIONE. Ennesimo episodio di violenza nel quartiere Cinque Continenti di Castiglione. Ieri mattina, poco prima di mezzogiorno, un extracomunitario di 34 anni, completamente ubriaco, ha cominciato a molestare le persone in un call center di via Kennedy. All’arrivo dei carabinieri ha spaccato la bottiglia che aveva in mano e con i cocci si è ferito in diverse parti del corpo. Ha cominciato a perdere molto sangue e si è reso necessario l’intervento di un’ambulanza che l’ha trasportato in ospedale.

Aggressioni, spaccio di droga, furti, rapine sono all’ordine del giorno in questo quartiere come in quello di via 1 Maggio. Gli interventi dei carabinieri si concentrano proprio in queste aree da dove partono sempre numerose le richieste di soccorso. E non si può non essere sbigottiti di fronte al fatto che le sei telecamere posizionate in questi due quartieri non funzionano da almeno sette anni, creando un pericoloso vuoto nei controlli.

Il Comune sta correndo ai ripari per cercare di tamponare questa falla nella sicurezza. In autunno – lo conferma il vice sindaco Andrea Dara – verranno installate le telecamere ai varchi della città, in grado di leggere le targhe delle auto.



«È nostra intenzione installare nuove telecamere nei due quartieri più a rischio - conferma l’assessore - non solo: contiamo molto sulla convenzione che ai primi di settembre andremo a firmare con i carabinieri in congedo. La loro presenza davanti alle scuole, negli orari di entrata e uscita, permetterà ai dodici agenti della polizia locale di fare controlli serrati. Confidiamo molto nella collaborazione di tutti, non solo di chi abita nei quartieri a rischio».

E che dire di una segnalazione dell’ultima ora: all’interno dei Cinque Continenti sarebbero addirittura in funzione due bar abusivi che rimangono aperti fino alle cinque del mattino.

Ecco perché nei bidoni forniti da Indecast ma anche nei giardini sono state trovate centinaia di bottiglie vuote, soprattutto di birra.


 

I commenti dei lettori