Pacchetto da 130 tirocini. «Obiettivo: 50 assunzioni»

In Sant’Agnese la raccolta delle adesioni all’iniziativa #finalmenteunagioia.  Età massima 29 anni. Palazzi: «Mezzo milione per l’occupazione giovanile»

MANTOVA. L’aveva colpito la foto di un corteo studentesco a Roma con una ragazza che inalberava lo striscione di protesta «Mai n’a gioia». «Così - confessa il sindaco Mattia Palazzi - ho pensato di chiamare #finalmenteunagioia la misura che stavamo per prendere contro la disoccupazione giovanile a Mantova». Un anno dopo si ritrova in sala giunta per annunciare pubblicamente, con i suoi assessori alle attività produttive Buvoli e al welfare Caprini, la partenza di quel progetto, «mai fatto da nessun Comune in Italia e su cui tante città già ci chiedono informazioni», che «aiuta i giovani a farsi un futuro e le imprese a svilupparsi».

Si tratta dello stanziamento di 500mila euro per attivare 130 tirocini da 3 a 6 mesi, in aziende o studi professionali del Mantovano, a favore di ragazzi residenti nel Comune capoluogo dai 16 ai 29 anni. Tirocini che, è l’obiettivo di via Roma, potranno trasformarsi in 50 assunzioni a tempo indeterminato o part-time di almeno 24 mesi, con incentivi per quelle aziende che assumeranno. Da domani i giovani (attenzione, non tutti: solo i cosiddetti need, quelli che non lavorano, non studiano o non hanno in atto percorsi formativi e abitano in città: «Sono le norme europee e regionali che ce lo impongono» dice Palazzi) potranno rivolgersi a Sant’Agnese 10, nella via omonima del centro, diventato il quartier generale del progetto. Qui riceveranno le informazioni necessarie per iscriversi; qui forniranno i loro dati e le loro competenze per costituire la banca dati a cui attingeranno le aziende interessate. Lo Sportello sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 20 e il sabato anche dalle 9 alle 13. Qui i ragazzi troveranno gli operatori accreditati che li accompagneranno nel tirocinio, che controlleranno che le mansioni siano quelle per le quali sono stati presi. La garanzia di un percorso formativo di qualità è totale, assicurano i promotori. «È una misura - ricorda Palazzi - che si affianca all’altra, pure inedita, per favorire le nuove residenze in città di single sino a 35 anni o di coppie sino a 70 in due: a loro garantiremo, il primo anno, affitto e internet gratis».


«Invito non solo i ragazzi ad andare in Sant’Agnese ma anche le imprese che decidono di investire sui giovani» fa eco Caprini. Ad ogni tirocinante verranno dati direttamente fino a 500 euro al mese, mentre l’azienda che tramuterà il tirocinio in assunzione riceverà il 50% del costo lordo del nuovo lavoratore per il primo anno (più i fondi del progetto regionale Garanzia giovani). «Nell’aprile scorso - spiega Buvoli - abbiamo sottoscritto un protocollo con sindacati, Regione, Provincia, Camera di Commercio, associazioni di categoria e ordini professionali. Per metà novembre abbiamo già convocato la cabina di regia per fare il punto della situazione dopo l’avvio». A fare da tramite tra imprese e giovani è Mestieri Lombardia, la rete di agenzie regionali per il lavoro accreditate dal Pirellone: «Aziende e studi professionali disponibili a partecipare all’iniziativa ancora non ci sono - dice Gianluca Ruberti -. Ma sono già molte le richieste di informazioni ricevute. Tra una decina di giorni, grazie anche alla campagna sui social che partirà in contemporanea con lo sportello, avremo un quadro più dettagliato delle disponibilità».
 

Video del giorno

Omnia Mantova - Nella casa intatta di Osanna Andreasi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi