Oltre mille tablet in arrivo. Ecco cosa cambia in cabina

L’assessore regionale Fava parte da Mantova per spiegare le nuove modalità. Possibile modificare la scelta, sparisce lo spoglio e risultati in tempo reale

MANTOVA. Dice che gli anziani alle prese con i tablet nel segreto della cabina elettorale non lo preoccupano: «Sono molto più svegli di tanti giovani, nei test fatti il gradimento fra gli over 65 è stato alto e poi la nuova modalità è semplice». E dice anche che «da qui non si torna indietro» e intende dal voto elettronico. A poco più di una settimana dal sì o no all’autonomia della Lombardia, l’assessore regionale con delega al referendum Gianni Fava apre a Mantova la campagna informativa sulle modalità di svolgimento del voto elettronico. E non si tratterà solo di un touch su uno schermo al posto di una croce in matita copiativa su un foglio, ma anche di una macchina organizzativa elettorale fino ad oggi inedita in Italia. Basti pensare che non ci sarà più bisogno dello spoglio, che i risultati dovrebbero arrivare quasi in tempo reale e che «in questo modo finiscono per sempre contestazioni o dubbi sull’intenzione di voto».



OLTRE MILLE TABLET. Prodotte dall’azienda venezuelana con sede ad Amsterdam Smartmatic e già utilizzate in altri Paesi, le cosiddette voting machine sono più robuste di un normale tablet visto che al loro interno devono contenere anche micro stampante e una chiavetta usb su cui vengono registrate le operazioni di voto. Oltre mille quelle destinate al Mantovano (da 2 a 4 per sezione in base al numero degli elettori) delle 24mila in distribuzione dal 10 ottobre negli uffici territoriali regionali. Costate 23 milioni, l’assessore ripete che «si tratta di un investimento perché i tablet rimangono in comodato d’uso gratuito alle scuole sedi di seggio e noi contiamo di poterle utilizzare anche per le prossime elezioni, a partire dalle regionali».

Referendum sull'autonomia della Lombardia: ecco come votare con il tablet



COSA CAMBIA AL SEGGIO. Domenica 22 ottobre si vota dalle 7 alle 23. Bisogna recarsi come sempre al seggio indicato sulla tessera elettorale (in caso di smarrimento si può chiedere all’ufficio elettorale comunale) che però stavolta non servirà per votare: basterà presentarsi con la carta di identità. Oltre al presidente e a due scrutatori saranno presenti anche un paio di tecnici Smartmatic per l’assistenza. E all’interno delle cabine elettorali ci saranno loro: i tablet posizionati e accesi (hanno un’autonomia di 18 ore e saranno caricati il giorno precedente) sulla schermata con il logo della Regione e la scritta “Inizia” da toccare per avviare la sessione di voto.

L'assessore Fava spiega gli obiettivi del referendum sull'autonomia della Lombardia



COME SI VOTA. La seconda schermata mostrerà il quesito referendario seguito dalle tre opzioni: sì (se favorevole), no (se contrari), scheda bianca. Il touch o tocco sullo schermo andrà fatto sulla croce alla sinistra dell’opzione prescelta. A quel punto ecco la terza schermata con indicata la scelta fatta che dovrà essere confermata toccando “vota” o modificata (ma solo una volta) con “cambia”. L’ultima schermata confermerà il termine della votazione insieme a un doppio segnale acustico che comunicherà anche al presidente la conclusione dell’operazione. Quando avrà votato anche l’ultimo elettore arrivato entro le 23, il presidente chiuderà il seggio e sigillerà le voting machine utilizzando un pin specifico in sua dotazione.

Referendum per l'autonomia della Lombardia. L'assessore Fava spiega come votare con il tablet


IL NON-SPOGLIO. Escluso il rischio di hackeraggio dall’assenza di connessioni internet, lo spoglio non sarà necessario: da ogni tablet, oltre ad uscire una stampata con il report su numero di votanti ed esito da allegare al verbale, verrà estratta una chiavetta usb che il presidente di seggio porterà all’ufficio elettorale comunale, che a sua volta trasmetterà i dati al sistema centrale della Regione.

RESPONSO IMMEDIATO. Assicura Fava che «alle 23.05 in ogni seggio si avrà il responso» e che per il dato complessivo bisognerà aspettare solo un paio d’ore. «E’ la più grande tornata elettorale non gestita dallo Stato che ci sia mai stata in Italia» conclude. E a chi gli chiede se ce ne fosse proprio bisogno: «Le altre strade non hanno avuto effetti».
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi