In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Aiuti per i giovani ricercatori

Bando di Cariverona da 320mila euro a favore delle collaborazioni internazionali

1 minuto di lettura

MANTOVA. La Fondazione Cariverona promuove ricerca scientifica e collaborazioni internazionali tra centri di ricerca favorendo la mobilità dei giovani ricercatori per Mantova, Verona, Vicenza, Belluno e Ancona. Lo fa con un bando da 320mila euro promosso dall’Acri, l’associazione delle Fondazioni di origine bancaria che agevola la partecipazione di giovani ricercatori, impegnati in strutture di ricerca all’estero, a congressi di rilevanza internazionale organizzati da enti di ricerca italiani. Il bando dell’Acri sostiene inoltre l’attività di ricerca dei giovani ricercatori in una rete di centri di ricerca italiani.

Il progetto si chiama “Young Investigator Training Program” e il bando scade il 31 ottobre, per consentire che le attività finanziate inizino a gennaio 2018. L’iniziativa ha l’obiettivo di promuovere la ricerca scientifica e le collaborazioni internazionali tra centri di ricerca attraverso la mobilità dei giovani ricercatori. Lavorare in Italia per un mese in istituti italiani consentirà di stabilire e consolidare rapporti tra gruppi di ricerca stranieri e gruppi italiani per definire programmi di interesse comune. Inoltre permetterà di inserire giovani ricercatori provenienti dall’estero nell’attività dei centri ospitanti per l’approfondimento di produzioni scientifiche.

Sono destinatari del bando le università, gli istituti di ricerca di natura pubblica e privata e altri enti di ricerca, purché non aventi fini di lucro e impegnati attivamente nel settore della ricerca scientifica e tecnologica in genere. La valutazione delle richieste di contributo sarà fatta da una commissione dell’Acri, composta dai rappresentanti delle Fondazioni che potrà avvalersi di competenze esterne nella valutazione dei congressi. I progetti saranno valutati sulla base di una serie di criteri: la rispondenza agli obiettivi del bando, la chiarezza e la precisione nell’esposizione degli obiettivi e dei contenuti dell’iniziativa; le caratteristiche dell’ente di ricerca proponente; le caratteristiche internazionali dell’iniziativa, valutate sulla base del programma del congresso, dei relatori e del numero previsto di partecipanti; le caratteristiche e le disponibilità dei centri di ricerca italiani a ospitare giovani ricercatori (preferibilmente almeno 20).

Si prevede di assegnare fino a un massimo di 90 premi di ricerca dell'importo di 3mila euro per giovani ricercatori dell'area europea e di 4mila euro per i giovani ricercatori dell'area extra-europea.


 

I commenti dei lettori