In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Arriva la squadra di cacciatori di nutrie

Goito. Il Comune mette a disposizione 2.500 euro per debellare dai 400 ai 500 roditori

1 minuto di lettura
GOITO . Arriva anche a Goito la squadra di cacciatori anti-nutrie, composta da sette volontari, con a capo Enrico Spotti. Ad annunciare l’iniziativa, che era stata autorizzata in via sperimentale lo scorso anno, è il vicesindaco Paolo Boccola, nonché assessore all’agricoltura.

Era già stata messa all’opera infatti la scorsa stagione una squadra di volontari con lo scopo di arginare quanto possibile il problema nutrie, ma strada facendo, di tutti i volontari ne erano rimasti solo due, mentre il problema continuava ad ingigantirsi.

La nuova amministrazione ha così deciso di mettere a disposizione un fondo di 2.500 euro per cercare di debellare almeno dalle 400 alle 500 nutrie.

«Le nutrie sono un problema enorme per tutte le culture, mais e prati stabili, e per tutti gli argini, sia del Mincio che dei canali -spiega un agricoltore di Goito- recano troppi danni ed è assolutamente necessario un intervento». Per far sì che questo intervento avvenga saranno posizionate nel giro di una settimana, tramite il confronto con gli agricoltori del luogo, delle apposite gabbie nelle zone più a rischio, ma non solo. I volontari infatti, dotati di patentino, frutto di un corso svolto tramite la Provincia, avranno la delibera di sparare ai roditori. Successivamente i corpi delle nutrie verranno deposti in un magazzino comunale dotato di frigorifero, dove la Provincia passerà a raccoglierle.

«Abbiamo voluto investire su un problema che è presente all’interno della nostra comunità in maniera consistente già da un po’-spiega il vicesindaco Boccola- è fondamentale la collaborazione tra ufficio tecnico del Comune, volontari e mondo agricolo. Non sarà possibile debellare il fenomeno forse, ma almeno arginarlo è necessario». (s.c.)

I commenti dei lettori