Blocco antismog verso la revoca grazie alla pioggia

Ore decisive sul fronte dello stop al traffico per inquinamento. Il Comune valuterà i dati dell'Arpa e poi deciderà se revocare il blocco

MANTOVA. Il 28 dicembre è il giorno decisivo sul fronte dello stop al traffico per inquinamento. Il Comune valuterà i dati dell’Arpa sullo smog e poi deciderà se revocare o meno il blocco già dal 29. L’accordo interregionale prevede che la revoca dello stop al traffico avvenga se nei due giorni precedenti la verifica il Pm10 è rimasto al di sotto dei 50 microgrammi per metro cubo d’aria.

«Per Santo Stefano - afferma l’assessore all’ambiente Andrea Murari - le micropolveri avevano raggiunto quota 76 microgrammi. Il maltempo di ieri e di oggi hanno senz’altro abbassato il livello di inquinamento dell’aria. Visto, però, che non abbiamo i due giorni consecutivi al di sotto dei 50 faremo una verifica con Arpa. Se, come prevede il meteo, ci sono le condizioni per un abbassamento notevole delle polveri può darsi che ci dia l’ok ad interrompere il blocco». Che, nel frattempo, continua. Iniziato nel giorno di Natale, con ieri è ormai arrivato al terzo giorno. Con Santo Stefano siamo, invece, a sette giorni consecutivi di sforamento del Pm10 in città.

Video del giorno

Stati Uniti: una pioggia di orsacchiotti sul campo da hockey, ma è per beneficenza

La guida allo shopping del Gruppo Gedi