Ricercato per tentato omicidio: arrestato a Bagnolo

A riconoscere Busiello sono stati gli agenti della polizia locale di Bagnolo (foto d'archivio)

Busiello aveva accoltellato la moglie ad Altavilla Vicentina, poi era scappato con la figlia di 6 anni: a riconoscerlo sono stati i vigili urbani

BAGNOLO SAN VITO. Si è conclusa in un campo di via Levatella, nelle campagne di Bagnolo San Vito, la fuga di Raffaele Busiello, macellaio 38enne che mercoledì pomeriggio (3 gennaio) ha accoltellato la convivente Olesea Talpa, 37 anni, ad Altavilla Vicentina.

Dopo aver ferito la compagna al termine di una lite, l’uomo era fuggito dalla sua abitazione con la bambina di sei anni. Da lì è scattata una vera e propria caccia all’uomo, con posti di blocco e controlli anche nelle province vicine. Dopo aver girovagato nel Veronese, Busiello ha raggiunto la nostra provincia. Ha imboccato una strada senza uscita nelle campagne bagnolesi e si è impantanato con la sua Golf.

Sul posto sono giunti gli agenti della polizia locale di Bagnolo San Vito che si sono avvicinati al mezzo e hanno visto dapprima il conducente, apparso in evidente stato confusionale e ferito ad un mano, e poi, la figlia di sei anni, impaurita e infreddolita. Sono poi intervenuti i carabinieri di Bagnolo San Vito che hanno fermato e preso in consegna l'uomo e l'hanno portato in caserma, con l’accusa di tentato omicidio. Successivamente è stato preso in consegna dai militari del nucleo investigativo del comando provinciale di Vicenza. Le condizioni della convivente sono serie, ma non si trova in pericolo di vita. Nella nottata tra mercoledì e ieri è stata sottoposta ad un primo intervento chirurgico.

Sta bene, invece, la bambina, che si trova ricoverata nel reparto di pediatria al Carlo Poma. Per lei solo qualche linea di febbre e un grande spavento. La piccola è stata subito rifocillata, visto che era a digiuno da parecchie ore. Sono rimasti al suo fianco per sincerarsi delle sue condizioni il sindaco Manuela Badalotti e il comandante della polizia locale Cristiano Colli. All’ospedale sono, poi, giunti la nonna materna e la sorellina. La vicenda ha inizio nel tardo pomeriggio di mercoledì in un’abitazione di Altavilla Vicentina. Dopo l’ennesima lite, Busiello estrae un coltello e colpisce più volte la convivente, ferendola ad un polmone. La donna riesce ad uscire in strada e a chiedere aiuto ad alcuni vicini. L’uomo, invece, sale sulla sua Golf e fugge con la bambina di sei anni. La caccia all’uomo viene estesa dapprima alle province vicine e poi su tutto il territorio nazionale.

Busiello raggiunge il territorio di Bagnolo San Vito ed esce di strada in maniera autonoma. Cerca, poi, di risalire in carreggiata, ma la macchina è ormai impantanata nel fango. I gestori di un vicino distributore di benzina sentono grida e lamenti e chiamano le forze dell’ordine, temendo un incidente con qualche ferito. Sul posto arrivano gli agenti della locale che, non vedendo altre auto nelle vicinanze, si insospettiscono. Dopo un controllo dei documenti, contattano le forze dell’ordine vicentine che confermano che si tratta del ricercato.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Omnia Mantova - Nella casa intatta di Osanna Andreasi

La guida allo shopping del Gruppo Gedi